Categorie

Archivio

21 novembre 2019 ad Ozzano Emilia (BO): Patrocinio UNAGA per il primo convegno sul sorgo nell’alimentazione umana

Sorgo e alimentazione umana. In alcuni Paesi del mondo questo cereale è molto utilizzato per sfamare le popolazioni. Da noi lo si sta scoprendo, soprattutto perché è privo di glutine e quindi indicato per chi soffre di intolleranze alimentari o vuole orientarsi verso un regime alimentare più salutistico.

Il 21 novembre , presso il Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie dell’Università di Bologna (sede di Ozzano Emilia – Via Tolara di Sopra, 50) ,si terrà il convegno dal titolo “Il sorgo, la risposta a un’agricoltura che guarda al futuro”, promosso dall’Organizzazione Interprofessionale Europea Sorghum ID. L’evento rappresenterà un’interessante occasione per scoprire le numerose potenzialità di questo cereale, il quinto per importanza al mondo, rispetto alle molteplici destinazioni di utilizzo. Non ultima quella legata all’alimentazione umana.

Il saluto di UNAGA, che patrocina il convegno, sarà portato dal Presidente Roberto Zalambani.

“I valori nutritivi del sorgo sono straordinari – afferma Monia Caramma, chief research & development officer di Macaronicus AG – la sua composizione chimica è molto interessante da un punto di vista nutrizionale perché contiene una percentuale molto elevata di fibra (circa l’80%) che migliora la funzionalità del sistema digestivo riducendo il colesterolo LDL,  a cui si aggiunge quasi l’11% di proteine, rappresentate da alcuni aminoacidi essenziali,  e una frazione di lipidi superiore del 2-3% a quella presente nel grano e nel riso. Il sorgo è inoltre molto digeribile e per questo facilmente assimilabile dall’organismo umano, contiene importanti sali minerali come il ferro, il calcio, il potassio a cui si aggiungono la vitamina B3 e la E. Grazie alla sua composizione può essere utilizzato per controllare il diabete, offrire un’opzione alimentare alle persone che soffrono di celiachia, migliorare la salute dell’apparato digerente e la densità delle ossa. Il sorgo infine contiene importanti antiossidanti che permettono di neutralizzare i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento e della trasformazione delle cellule sane in cellule tumorali. La quantità di magnesio presente in questo cereale – conclude Monia Caramma – garantisce il corretto equilibrio e assorbimento di calcio nel corpo: entrambi questi minerali intervengono nel processo di sviluppo del tessuto osseo contribuendo a prevenire osteoporosi e artrite”.

Per informazioni stampa:

Anna Mossini (associata Arga)

tel. +39 335/1253964  annamossini.bo@gmail.com

Bologna: Successo per il Salone nazionale Marroni e Castagne d’Italia

Foto di gruppo dei protagonisti della prima giornata del Salone

ARGA e UNAGA hanno collaborato al Salone nazionale marroni e castagne d’ Italia; l’ evento ha completato un percorso didattico per la stampa specializzata durato per tutto il 2019 con un grande convegno di tutti gli attori della filiera emiliano-romagnola presso la Regione a cui ha fatto seguito il convegno nazionale “Castanea” a Pergine Valsugana e ancora la visita all’azienda “Il regno del marrone” e al Museo del castagno a Castel del Rio, per poi arrivare a FICO Bologna per tre giornate di grande interesse tra convegni, mostra mercato e concorso nazionale degli Istituti alberghieri.

La manifestazione nella città del cibo più grande d’Italia è stata anche l’occasione per l’assemblea delle Città del castagno.

Al primo convegno, svoltosi l’ 8 dicembre 2019 scorso, ha portato il saluto il Presidente di UNAGA Roberto Zalambani.

Sul tema: “Selve castanili e cambiamenti climatici” sono intervenuti i massimi esperti del settore. E’ seguita la visita a tutte le aziende espositrici alla quale, insieme a Zalambani, per ARGA hanno partecipato Pier Luigi Nanni e Stefano Bugamelli e il Direttore del Centro Studi Emilia dell’Accademia Italiana della Cucina Piergiulio Giordani Pavanelli.

Al gruppo si sono uniti i dirigenti di Fico Eataly World e del Caab, Giuliano Poletti già Ministro del Lavoro e Alberto Manzo Dirigente del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali nonchè i rappresentanti della Regione Emilia Romagna.

Il secondo convegno del 9 novembre 2019 ha avuto come tema: “Selve castanili e paesaggi: nuove destinazioni e offerte turistiche”.

Anfitrione della manifestazione il collega Massimo Seragnoli direttore di Sinettica e esponente di punta dell’ASA.

Il prossimo appuntamento sarà a Marradi (Firenze) il 7 dicembre 2019 con un convegno che, al Teatro Borsi, tratterà del contrasto alle malattie e della gestione degli insetti del castagno.

Coordinerà il Presidente del Centro di Documentazione sul Castagno Elvio Bellini, il massimo esperto mondiale della materia.

taglio del nastro della mostra mercato nazionale dei marroni e delle castagne d’Italia

Roberto Zalambani e Giuliano Poletti visitano il Salone

Le foto sono di Natalia Banaszewska

5-8 novembre 2019 alla Fiera di Rimini: il Ministro Costa inaugura Ecomondo e Key Energy

keyenergy.pngPerché ci sia davvero un Green New Deal serve cambiare marcia, in tutto il mondo. Sarà questo il messaggio dal 5 all’ 8 novembre alla Fiera di Rimini, dove Italian Exhibition Group organizza la grande piattaforma fieristica europea dedicata alla circular economy.

Occupando tutti i 129.000 mq del quartiere, 1300 imprese da 30 Paesi daranno vita a Ecomondo, l’evento leader europeo della circular e green economy, Key Energy il salone delle energie rinnovabili, il biennale Sal.Ve. salone del veicolo per l’ecologia. Quest’anno si aggiunge la prima edizione di DPE – Distributed Power Europe, l’evento dedicato alla power generation.

Alle 10.30 l’inaugurazione in hall sud. Al taglio del nastro, affidato a Sergio Costa, Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, saranno presenti il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, On. Riccardo Fraccaro, l’Assessore alle politiche ambientali della Regione Emilia-Romagna, Paola Gazzolo, l’Assessore all’ambiente del Comune di Rimini, Anna Montini e il presidente di Italian Exhibition Group, Lorenzo Cagnoni.

A seguire, gli Stati Generali della Green Economy, quest’anno dal titolo Green New Deal e sfida climatica: obiettivi e percorso al 2030 da dove scaturiranno idee e proposte per sostenere, dare forza ad un cambiamento che punta al consistente taglio delle emissioni di gas serra e a rilanciare nuovo sviluppo e nuova occupazione. Il via ai lavori è affidato a Edo Ronchi, del Consiglio Nazionale della Green Economy, a cui seguiranno gli interventi di Sergio Costa, Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e di Riccardo Fraccaro, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

In programma un palinsesto di seminari internazionali a cura dei comitati scientifici guidati da Fabio Fava (Ecomondo) e Gianni Silvestrini (Key Energy), con oltre mille relatori.

Diversi i focus di approfondimento. Tema di attualità che a Ecomondo troverà grande rilievo sarà quello relativo alla plastica, a partire da mercoledì quando è in programma un convegno dal titolo La Strategia italiana per la plastica, a cura dell’Ufficio stampa del Ministero dell’Ambiente.

www.ecomondo.com   www.keyenergy.it

8 novembre 2019 a FICO (Bologna): il Salone nazionale marroni e castagne d’Italia, inaugura con UNAGA

A Bologna l’8 novembre 2019 prossimo, il Salone nazionale “Marroni e castagne d’ Italia” verrà inaugurato, con il patrocinio del Centro di Documentazione sul Castagno, di Asa, di UNAGA e del Birrificio Balladin e promosso dalla Fabbrica Italiana Contadina insieme all’Associazione Nazionale Città del Castagno. L’organizzazione è stata affidata a Sinettica di Massimo Seragnoli.

Alle 10:30 dell’8 novembre, interverranno autorità e studiosi e, tra i saluti, ci sarà quello del Presidente dell’UNAGA Roberto Zalambani.

Ecco il programma del Salone:

Giorno dell’Unità Nazionale, il 4 novembre 2019 a Roma, UNAGA partecipe con Carabinieri Forestali e Italia Nostra

Anche UNAGA sarà partecipe, in occasione del Giorno dell’Unità Nazionale e della Giornata delle Forze Armate, nell’ambito degli eventi previsti in tutte le principali città e piazze italiane, lunedì 4 novembre 2019, alle ore 16:00, presso la “Sala Serviana” del Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari Carabinieri di via Antonio Salandra, 44 a Roma, all’incontro sul tema: “Parchi e viali della Rimembranza. La commemorazione dei caduti attraverso la simbologia arborea”.

Interverranno la Dr.ssa Viviana Sidoni – Italia Nostra e il Ten. Col. Nicolò Giordano – Comando Carabinieri Tutela Forestale, per illustrare come, alla fine del Primo conflitto mondiale, sia maturata la volontà di ricordare i caduti attraverso la messa a dimora di alberi in tutte le città italiane. Il progetto, avviato per interessamento del Sottosegretario del Ministro dell’istruzione pubblica, Dario Lupi, negli anni ‘20 del secolo scorso, avrebbe dato vita, nell’arco di pochi anni, alla creazione e riqualificazione di numerosi spazi verdi, spesso adornati da monumenti e targhe commemorative.

A distanza di cento anni, il MIBACT ha censito i Parchi e viali della Rimembranza, su tutto il territorio nazionale, per verificare lo stato dei luoghi e proporre eventuali restauri. Un patrimonio di grande importanza che va preservato per l’altissimo valore simbolico legato alle sorti di decine di giovani soldati che hanno scarificato la loro vita per la Patria.

Roma: Lotta agli sprechi e al cibo cattivo. Unaga in visita alla FAO e al Mipaaf

La Giunta Unaga alla FAO. Da sx: Gian Paolo Girelli, Roberto Zalambani, Donato Fioriti, Silvia Farnese, Roberto Ambrogi

(di Silvia Farnese) Il 16 ottobre 2019 si è tenuta a Roma la Giunta esecutiva di Unaga con il Presidente Roberto Zalambani, il Vice Presidente vicario Donato Fioriti, il segretario Generale Gian Paolo Girelli, il tesoriere, responsabile del sito web e della Segreteria nazionale Efrem Tassinato, la responsabile dei rapporti internazionali e Vice Presidente Enaj Lisa Bellocchi e il Presidente di Arga Lazio Roberto Ambrogi.

Il primo appuntamento è stato alla FAO per la celebrazione della giornata mondiale dell’ alimentazione, aperta dal Direttore Generale Qu Dongyu e dal Presidente del Consiglio dei Ministri del Governo italiano Giuseppe Conte. Sul tema “Diete sane per un fondo senza fame” era stata allestita una suggestiva mostra tematica che i giornalisti hanno visitato incontrando per la prima volta la Ministra alle Politiche Agricole Alimentari Caccia Pesca e Foreste Teresa Bellanova che poi, nella tarda mattinata, hanno raggiunto al Ministero in via XX Settembre per un’udienza privata.

Nell’occasione la Senatrice Bellanova, dopo gli interventi di tutti i partecipanti che le hanno illustrato le finalità e le attività dell’Unione nonchè la sua dimensione internazionale, ha presentato i suoi obiettivi primari.

“Vogliamo impegnarci per ridurre gli sprechi alimentari – ha affermato -sostenere un’ economia circolare, combattere la fame e le disuguaglianze. L’agricoltura italiana deve essere piu’ considerata a Bruxelles facendo passare un messaggio che la presenti per l’ alta qualità dei prodotti e la loro salubrità, per le certificazioni di filiera che sono tra le più serie e rigorose al mondo. Siamo impegnati inoltre nei tavoli nei quali si parla di lavoro e si contrasta il caporalato e in quelli dove si studiano le azioni più efficaci contro gli sprechi alimentari a partire da quello convocato a Roma il 5 novembre 2019”.

Dopo aver parlato della valorizzazione dei giovani e delle donne in agricoltura, la senatrice Bellanova ha detto che crede molto nel giornalismo di competenza e anche per questo Unaga verrà costantemente informata delle attività e riceverà le informazioni da condividere con i giornalisti associati nelle Arga.

I componenti della Giunta si sono infine trasferiti nella sede delle relazioni con il pubblico dei Carabinieri Forestali in via Salandra dove sono stati affrontati vari temi tra i quali il sostegno al progetto internazionale sui Parchi della Felicità e alle costituzioni previste nel 2020, un intervento presso l’ organismo che coordina gli enti fieristici italiani per una maggiore attenzione al lavoro giornalistico e all’ accesso dei colleghi, la revisione dello Statuto dell’Unione puntando all’unificazione personalizzata dei documenti regionali identificativi sotto la rinnovata ed unica denominazione di UNARGA che verrà riproposta al prossimo Consiglio nazionale.

E’ stata approvata la sede che sarà a Bologna presso FICO Eataly World il 14 dicembre 2019 e che sarà l’ occasione anche per visite tematiche e momenti collaterali di approfondimento.

La Giunta Unaga al Mipaaf. Da sx: Efrem Tassinato, Lisa Bellocchi, Roberto Zalambani, Gian Paolo Girelli, la Ministra Teresa Bellanova, Roberto Ambrogi, Silvia Farnese

La Giunta Unaga al Comando Centrale Carabinieri per la Tutela Forestale. Da sx: Silvia Farnese, Donato Fioriti, Roberto Ambrogi, Ten. Col. RFI Nicolò Giordano, Lisa Bellocchi, Gian Paolo Girelli, Roberto Zalambani, Efrem Tassinato

 

A Recco e Sori, in mostra i prodotti dei territori. La prestigiosa rassegna ritorna dall’ 8 al 9 novembre 2019 con la collaborazione delle Arga di Liguria e Piemonte.

Recco, sede principale della rassegna delle tipicità italiane, vista dal mare

“Fattore Comune” il progetto nato come evento mirato a sviluppare sinergie tra quelle eccellenze italiane, tutelate dall’Unione Europea, che vantano la protezione accordata alla denominazione dei rispettivi Comuni da cui provengono. Prodotti tipici che identificano nel proprio nome, la provenienza, accomunandone qualità e territorialità: ad organizzare il momento è il Consorzio della Focaccia di Recco col formaggio IGP.

Nelle scorse annate i prodotti protagonisti sono stati: il Lardo di Arnad DOP, la Robiola di Roccaverano DOP, i Maccheroncini di Campofilone IGP, il Prosciutto di Norcia IGP e il Pane di Genzano IGP  per l’edizione del 2017.

Il Barolo DOCG, il Bra duro e tenero DOP, il Puzzone di Moena DOP, il Lardo di Colonnata IGP, i Funghi di Borgotaro  IGP  nel 2018. Naturalmente la Focaccia di Recco col formaggio IGP.

Quest’anno 2019, oltre alla Focaccia, saranno presenti: tre prodotti piemontesi, il Consorzio Castelmagno DOP, il Consorzio Riso di Baraggia DOP e il Consorzio Gavi DOCG, dalla Lombardia il Consorzio Salame d’oca di Mortara IGP e dall’Emilia Romagna il Consorzio dei Salumi Piacentini DOP.

L’evento, per la giornata dell’8 novembre 2019, sarà suddiviso in due momenti, il primo presso il Teatro di Sori con gli interventi delle Istituzioni e degli organi preposti al controllo dei prodotti ai quali seguirà un “talk show” aperto ai media. Il secondo momento è previsto a Recco all’interno del Ristorante Manuelina dove a partire dalle ore 20:00 verranno allestiti spazi dedicati ai Consorzi con relativi banchi di assaggio e degustazione. Il 9 novembre 2019 dopo una visita al borgo marinaro di Camogli con sosta presso la Focacceria Revello, pranzo ligure a Recco e show cooking al ristorante Da Lino.

Saranno presenti le Arga della Liguria e del Piemonte e il Comitato Scientifico UNAGA.

Contatti:

Consorzio della Focaccia di Recco col formaggio IGP

Segreteria e ufficio stampa

Daniela Bernini  +39 335  7274514  daniela@dimensioneriviera.it

Il tartufo bianco di San Miniato tocca il cuore di Firenze. Il ruolo di Arga Toscana e Unaga.

Roberto Zalambani e Fabrizio Mandorlini tra i protagonisti della presentazione in Palazzo Vecchio a Firenze

Il tartufo bianco di San Miniato tocca il cuore di Firenze. Presentata nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio il 23 ottobre 2019 l’edizione numero 50^ della Mostra mercato nazionale. Il ruolo di Arga Toscana e Unaga.

Il Salone dei 500 di Palazzo Vecchio a Firenze, luogo di incontro tra i piu’ suggestivi al mondo, ha fatto da cornice alla presentazione dell’ edizione numero 50  della Mostra mercato nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato. Situata in provincia di Pisa con una storia ininterrotta di amicizia con il Granducato di Firenze, San Miniato si appresta ad ospitare, in tre fine settimana dal 9 al 24 novembre 2019, una ricchissima rassegna fatta di esposizioni di prodotti, di mostre e di spettacoli, con aree e giorni tematici di grande suggestione, che richiameranno i 200 anni dalla composizione dell’ Infinito di Giacomo Leopardi, i 500 anni  dalla nascita di Cosimo I de’ Medici, i 450 anni dalla fondazione del Granducato, i 250 anni dalla nascita di Napoleone Bonaparte, a cui il tartufo piaceva tanto e non mancava di farselo portare quando veniva a salutare lo zio prete.

Uno spettacolo nello spettacolo, l’arrivo nel Salone dei figuranti e dei loro accompagnatori e la nomina dei nuovi Ambasciatori del tartufo alla presenza dei nominati degli scorsi anni tra i quali il Presidente di UNAGA Roberto Zalambani.

La sapiente regia di Fabrizio Mandorlini, vice Presidente di Arga Toscana,ha reso indimenticabile una serata alla quale hanno partecipato numerosi giornalisti Arga tra i quali Luisella Meozzi, Romina Gobbo, Alessandro Maresca e Michele Fiaschi.

Il Presidente di Arga Toscana Franco Polidori, commentando l’ evento e la prossima grande rassegna sanminiatese, ha sottolineato come, nell’ impegno crescente a valorizzare l’agroalimentare del territorio, il tartufo bianco di San Miniato rappresenti una delle risorse toscane tra le piu’ prestigiose, un fiore all’ occhiello che i nostri giornalisti specializzati sono impegnati ad affiancare.

La manifestazione, che ha visto protagonisti il Sindaco di San Miniato Simone Giglioli, il Presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, l’Assessore regionale al turismo Stefano Cioffo e il Presidente della Fondazione San Miniato promozione Delio Fiordispina, si è conclusa nella suggestiva Zeffirelli’s Tea Room di piazza san Firenze.

Inaugurata la mostra permanente dedicata alla Mortadella Bologna IGP

Il taglio del nastro della nuova sezione museale dedicata alla mortadella. Al centro l’Assessore regionale all’ agroalimentare, pesca e foreste dell’ Emilia Romagna Simona Caselli; alla sua destra il Presidente del Consorzio Mortadella Bologna Corradino Marconi

Autorità locali, personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo hanno tagliato il nastro inaugurale dello spazio museale dedicato all’eccellenza gastronomica felsinea. Un percorso interattivo ed emozionale fatto di storia, cultura e tradizione che sancisce il legame d’amore tra la città e il suo salume simbolo. Il secondo Mortadelladay è proseguito a FICO Eataly World con spettacoli, degustazioni e divertimento. Molti i giornalisti di Unaga e Arga Emilia Romagna  presenti tra i quali il Presidente dell’ Unione Roberto Zalambani e la responsabile dei rapporti internazionali Lisa Bellocchi e, per l’ Associazione, il responsabile del Comitato scientifico Pier Luigi Nanni e il componente Stefano Bugamelli.

Uno spazio del Museo della Storia di Bologna, nel centralissimo Palazzo Pepoli, si tinge di rosa. Giovedì 24 ottobre 2019, in occasione del 358° anniversario dell’editto del Cardinal Farnese che regolamentava la produzione della Mortadella, è stata inaugurata la sala dedicata alla regina rosa dei salumi, che arricchisce il percorso permanente del museo.

L’evento al centro della seconda edizione del Mortadelladay, cui ha fatto da madrina Anna Falchi, è stato preceduto da una conferenza con la partecipazione di: Simona Caselli, Assessore all’agricoltura, caccia e pesca Regione Emilia Romagna, Davide Conte, Assessore al Bilancio del Comune di Bologna, il Presidente del Consorzio Mortadella Bologna IGP Corradino Marconi e Fabio Roversi Monaco, Presidente Genus Bononiae. Musei nella città.

Il Presidente di Unaga Roberto Zalambani con Anna Falchi

A raccontare le tappe più significative della storia della Mortadella Bologna IGP anche Costantino D’Orazio critico d’arte e il famoso giornalista scrittore associato Arga Giancarlo Roversi, mentre il noto comico bolognese Vito ha intrattenuto con alcuni aneddoti legati alla Mortadella.

Il nuovo spazio è un percorso esperienziale e interattivo che coniuga arte, cultura, curiosità e testimonianze storiche come il famoso bando del cardinale Farnese del 1661 che codificava la produzione della mortadella, vero e proprio antesignano dell’attuale Disciplinare per la denominazione IGP certificato dall’Unione Europea. Nel 1624 la Mortadella era il salume più ricercato e costoso: 3,5 volte più del prosciutto, 9 più del pane e 6 volte più di manzo e agnello.

“Abbiamo scelto di inaugurare il nuovo spazio del Museo della Storia di Bologna dedicato alla Mortadella per celebrare il suo 358° anniversario, era infatti il 24 ottobre 1661 quando il Cardinal Farnese emanò l’editto che ne regolava la produzione. Un documento storico importante a tutela di un salume che ha sempre rappresentato un’eccellenza del territorio, la cui storia si intreccia con quella della città di Bologna. Un progetto del Consorzio, realizzato in collaborazione con Genus Bononiae. Un allestimento in grado di raccontare e valorizzare uno dei maggiori simboli gastronomici Made in Italy. Sarà una tappa irrinunciabile per tutti gli amanti di questo nobile salume”, ha dichiarato Corradino Marconi, Presidente del Consorzio Mortadella Bologna.

Il Presidente di Unaga Roberto Zalambani presenta ad Anna Falchi il volume dell’ Accademia Italiana della Cucina “La pasta fresca, ripiena e gli gnocchi” curata dai Centri Studi Territoriali. Quelli dell’ Emilia Romagna sono stati coordinati da Piergiulio Giordani Pavanelli, socio aderente Arga, e da Davide Rossi.

 

ARGA UMBRIA PROMUOVE “FRANTOI APERTI” 2019

La Presidente di Arga Umbria Simona Maggi a colloquio con la Ministra Teresa Bellanova durante la presentazione di “Frantoi aperti”

Presentata, nella splendica cornice dell’abbazia di Santa Croce in Sassovivo di Foligno,  la XXII edizione di Frantoi Aperti in Umbria, alla presenza di Teresa Bellanova, Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali.
“Frantoi Aperti – spiega la ministra Bellanova – ci dà l’opportunità di valorizzare l’arte olearia, l’arte di trasformare i frutti in prodotti, ma che oltre al lato economico, ci permette di riavvicinarci alle nostre radici, al nostro territorio, all’importanza che le coltivazioni di olivi, rivestono nel mantenimento e nella protezione del nostro paesaggio. Io vengo dalla Puglia, terra di olivicoltori gli alberi per i contadini sono come i figli, ogni albero ha la sua storia, un aneddoto. Quando un terreno e degli alberi, vengono abbandonati, oltre al dolore per la perdita economica, c’è il dolore di perdere gli alberi come tratto identitario e culturale. La coltura dell’olivo rappresenta un elemento di richiamo alle nostre radici, al nostro paesaggio, che va al di là dell’aspetto economico. Un territorio come questo umbro che, nella zona della Fascia Olivata, ha avuto un importante riconoscimento come quello della FAO, è un paesaggio accogliente e ricco, che sa conservare un bene prezioso come l’albero di olivo. Da ottobre a dicembre qui in Umbria si vive un momento di grande festa, che va dalla raccolta delle olive fino all’arrivo dell’olio nuovo, un bene prezioso. Serve attenzione assidua al territorio e azioni a sostegno del reddito degli agricoltori, a sostegno degli investimenti in agricoltura, questo è l’impegno che abbiamo affinchè i giovani siano sempre più stimolati a riprendere in mano i terreni. Il mio obiettivo, – prosegue il Ministro – è di investire nella filiera, nel sostenere la sinergia tra le piccole imprese, che in realtà sono i veri giganti della qualità, per arrivare in maniera sinergica al vero mercato del Made in Italy. Il mio primo obiettivo è sostenere con maggiore forza la tracciabilità di tutta la filiera produttiva, l’etichettatura di origine, poi una battaglia di sistema sui dazi, perché i dazi oltre a creare danno ai produttori italiani, incentivano, negli Stati Uniti e negli altri paesi con politica di dazi, l’acquisto di prodotti alimentari di minore qualità, con le conseguenze per la salute che ben conosciamo”.
Ad illustrare questa edizione di Frantoi Aperti è stato Paolo Morbidoni, presidente dell’associazione Strada dell’Olio evo dop Umbria. Ad intervenire poi per portare i saluti delle istituzioni: Lorenzo Schiarea, presidente del  onsiglio comunale di Foligno e Fernanda Cecchini, assessore all’agricoltura della Regione Umbria.

di Simona Maggi