Categorie

Archivio

18 dicembre 2019 a Rimini. ConsulenzAgricola”: con patrocinio Unaga, importante convegno sulle novità economico-fiscali 2020

CONTINUA”EMOZIONI DAI PARCHI” PERCORSO FOTOGRAFICO di PAOLA SCARSI di ARGA LAZIO, NEI PARCHI E NELLE AREE PROTETTE

11 dicembre 2019 a Bologna: Racconti a tavola con Historica e UNAGA

Strassoldo. A spasso tra uno dei borghi piu’ belli d’Italia

(di Daniela Paties Montagner) Strassoldo è un borgo medievale, situato a circa 11 km a nord del centro archeologico di Aquileia ed a 25 km da Udine, noto per i suoi “castelli gemelli” di Strassoldo di Sopra e di Sotto, a cui deve il nome l’incantevole frazione di Cervignano, nella verde pianura friulana, e che rappresenta un unicum di grande bellezza, circondato da parchi secolari con chiare acque di risorgiva. Ciascun castello è costituito da un grande palazzo centrale attorniato dalle antiche case che un tempo servivano a fini agricoli ed amministrativi, e tutt’oggi i manieri sono abitati dalla stessa famiglia, che li fece costruire più di mille anni fa, e che negli anni, e con tenace volontà, ne ha salvaguardato i monumenti, tanto da permettere al villaggio omonino di entrare a far parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia. Durante il corso dell’anno, è possibile conoscere da vicino questa stupenda realtà, grazie a due stupende manifestazioni molto particolari, che si svolgono rispettivamente : in primavera nel mese di aprile ed  in autunno nel mese di ottobre, la prima è denominata : “Frutti, Acque e Castelli” mentre la seconda: “Fiori, acque e castelli”. In tale occasione, entrambi i castelli aprono i battenti, e per l’occasione, vengono selezionati maestri artigiani, artisti, antiquari e vivaisti. Un incantevole percorso alla scoperta di castelli e artigianato d’eccellenza, sarà l’occasione per i visitatori, di essere guidati

attraverso i saloni coi ritratti di antenati, mobili antichi, frutta e fiori, alla scoperta di preziosi manufatti in oro, argento, fildiferro, rame, vetro, pietre preziose,broccato,seta,lana,cotone,carta,cashmere,pelle, legno, ceramica, terracotta e altro ancora, mentre nel brolo, prendono posto alcuni eccellenti vivaisti-ibridatori,oltre a oggetti artigianali per la casa ed il giardino. Per i gourmet non potranno invece mancare le deliziose specialità alimentari artigianali, come cioccolate, aceti balsamici, biscotti, torte glassate, liquirizia, gelati, risotti e paste con fiori ed erbe, infusi e frittelle di mele,oltre agli assaggi nei vari angoli gastronomici del paese.

Trasporti: Corriera Saf Udine-Grado https://www.saf.ud.it/cms/data/pages/000150.aspx.

Treni: linee Venezia – Trieste e Udine – Cervignano-Aquileia-Grado (trenitalia.it), con fermata a Cervignano-Aquileia-Grado o Palmanova), poi coincidenza con corriere Saf o taxi.

Informazioni:

www.castellodistrassoldo.it

www.turismofvg.it

Email: info@castellodistrassoldo.it

FB castelli di strassoldo

Intagram: castelli_di_strassoldo

6 dicembre 2019 a Palazzolo Stella (Ud) con ARGA FVG, la presentazione della Carta del Gusto della Riviera Friulana

Venerdì 6 dicembre 2019, alle ore 18:30, all’Azienda agricola Isola Augusta di Palazzolo dello Stella (UD) ARGA FVG e l’Associazione culturale La Riviera Friulana, in collaborazione con Club per l’UNESCO di Udine, Italia Nostra, Fotocineclub Lignano, organizzano una serata per la presentazione: della Carta del gusto della Riviera Friulana, magazine on line della testata www.larivierafriulana.it , che racconta il territorio dell’area rivierasca e le sue attrattive; la ricerca del Giornalista Silvio Bini sulle origini di Lignano Sabbiadoro attraverso la lettura dei quotidiani dell’epoca; l’installazione dell’artista La Montagna, realizzata con materiali reperiti nell’Azienda agricola che ospita la serata. Al termine, degustazione dei prodotti Isola Augusta.

30 novembre 2019 a Pisa il convegno con patrocinio UNAGA “Tutto è paesaggio”. Azioni contro il cambiamento climatico.

Gli Arsenali Repubblicani di Pisa, risalenti al 1200 e recentemente restaurati dal Comune

Si svolgerà il 30 novembre 2019 a Pisa, nei prestigiosi saloni degli Arsenali repubblicani del 1200, recentemente restaurati dal Comune, l’Assemblea della Fondazione Bioarchitettura, presieduta dalla giornalista e prestigiosa consulente UNAGA (che ha dato il patrocinio ) Witti Mitterer, evento accompagnato dal convegno internazionale “Tutto è paesaggio, azioni contro il cambiamento climatico”.

Parleranno, tra gli altri, il famoso architetto paesaggista tedesco Gerhard  Hauber su “acqua e città”, Massimo Pica Ciavarra dirà come civilizzare l’urbano attraverso l’acqua, Ron Richter discorrerà su tradizione e innovazione ecologica, Laura Viviana Paladino si soffermerà sul caso dell’ex Snia dal cemento alla green house mentre Oliver Urland sul progetto del verde come attrazione turistica e plusvalenza economica. Moderatore, Fabio Daole dirigente del verde pubblico del Comune di Pisa.

Mitterer, che parlerà del progetto di paesaggio ecologico, tende a sottolineare come “oggi appaia inevitabile un riorientamento dell’architettura  nella sua globalità di aspetti e di implicazioni che deve tendere a una visione piu’ rispettosa  dell’essere umano e della natura in cui il concetto di sostenibilità non può soltanto essere inteso nei termini numerici dell’ efficienza energetica ma come proposta centrale della società”.

UNAGA IN AIUTO DI VENEZIA E SPOSA IL PROGETTO KAADI

Giovanni Cecconi, operatore della Comunità Wigwam di Venezia, insegna ai bimbi a comprendere le maree

Il presidente dell’UNAGA in persona, il bolognese Roberto Zalambani, si è reso promotore di rendere partecipe l’Unione dei Giornalisti Agroalimentari e Ambientali – Gruppo istituzionale di specializzazione della FNSI (Federazione Nazionale della Stampa Italiana) – nel contribuire ad aiutare Venezia in questo momento tragico di devastazione ma con un occhio al futuro delle nuove generazioni. Anche i giornalisti vogliono essere partecipi del sostegno ad un progetto che aiuta Venezia e i veneziani, in specie i più giovani, a diventare più resilienti rispetto ai cambiamenti climatici, i cui effetti devastanti, tendono a ripetersi con sempre maggiore frequenza. Stiamo parlando del KAADI, acronimo che sta per “Kid Acqua Alta Discovery”, ovvero far scoprire questo fenomeno e i modi per gestirlo al meglio, agli abitanti della Laguna Veneta e, per estensione, a quanti sono e saranno alle prese con le sempre meno straordinarie emergenze inondative che colpiscono territori a volte storicamente densamente popolati.

Un progetto, finora autogestito e, per limiti di capacità di spesa, necessariamente confinato ai piccoli numeri, ma che, dopo gli eccezionali eventi mareali di qualche giorno fa, senz’altro da estendere a tutti i ragazzi e ai giovani delle aree interessate. Allo scopo, tutti potranno concorrere divenendo così partner del progetto educativo, con una donazione, anche di piccola entità.

Il progetto è stato messo a punto dal Venice Resilience Lab, fondato 5 anni fa da Giovanni Cecconi, ingegnere idraulico, profondo conoscitore degli ambienti lagunari e operatore Linkman della Wigwam Local Community Città di Venezia. Esso promuove la consapevolezza fra i residenti e non, con attività di esplorazione dell’ambiente veneziano allo scopo di diffondere le conoscenze per gestire la laguna adattativa dei servizi ecosistemici delle acque da parte dei cittadini, attraverso attività di ricerca idraulica in campo, con i ragazzi e le istituzioni del territorio.

Le attività sono iniziate nel settembre 2019, prima delle acque alte di novembre, costruendo ed installando aste graduate, gli idrometri del passato, che poi sono state utilizzate per misurare la propagazione della marea da Venezia sino alle scuole più interne della gronda lagunare, installando quindi dei caposaldi per il controllo della crescita del livello del mare.

Sono state finora coinvolte 20 classi e tre di loro, hanno vinto una gita in laguna con motonave e pranzo che sarà fatta assieme ai loro insegnanti e genitori.

Così facendo i cittadini riscoprono la bellezza della marea che unisce tutti i nuovi e vecchi residenti lagunari contribuendo al benessere dei futuri abitanti in armonia con il loro territorio acquatico lagunare e fluviale.

Per proseguire, ampliandola, possibilmente a tutte le scuole della Laguna Veneta e del suo entroterra, questa attività che insegna, soprattutto ai più piccoli a diventare rispettosi dell’ambiente e perciò resilienti, ha la necessità di essere sostenuta.

Chiunque può contribuire con una donazione, anche detraibile dall’IRPEF per i privati e deducibile dal reddito complessivo per le aziende (IRES).

INFO: info@wigwam.it

Causale: Progetto KAADI – Wigwam APS Italia

Banco Posta: IBAN IT86 X076 0112 1000 0006 9120 327 BIC BPPIITRRXXX

Previsione di duemila espositori, è record per EIMA Bologna 2020

Con un anno di anticipo sull’evento, la rassegna internazionale della meccanica agricola EIMA – in scena a Bologna dall’11 al 15 novembre 2020 – è già in piena fase organizzativa. La Federazione italiana dei costruttori di macchine agricole FederUnacoma, organizzatrice della grande kermesse bolognese, ha aperto le iscrizioni per le industrie espositrici il 23 settembre scorso e attualmente sono 1.200 le adesioni formalizzate, un numero che lascia prevedere un totale di espositori superiore alla quota record di 1.950 raggiunta nell’edizione 2018. “Molto significativo il dato relativo alla richiesta di area espositiva – ha spiegato il presidente di FederUnacoma Alessandro Malavolti – che risulta in crescita netta rispetto alle edizioni precedenti. Ad oggi quasi 100 mila metri quadrati netti sono già potenzialmente impegnati, e in settori come quelli della forestazione, della bonifica, della irrorazione e della lavorazione del terreno, oltre che della cura del verde, la superficie impegnata è già oltre l’80% della capienza complessiva assegnata a questi settori, mentre altre merceologie come quelle dell’irrigazione e delle macchine per gli allevamenti sono già al 90% della superficie disponibile. Il quartiere fieristico di Bologna sarà completamente impegnato potendo offrire una qualità delle strutture in costante miglioramento.  Molte saranno le novità di EIMA 2020 che verranno presentate nei mesi prossimi, e ricchissimo il calendario di incontri, convegni e workshop su temi tecnici e politico-economici. Tra le novità di maggior rilievo il concorso delle novità tecniche”. A questa si aggiunge la novità di un’area dimostrativa all’aperto per attività di informazione e divulgazione al pubblico sulle applicazioni più avanzate della meccanica agricola.Previsto inoltre  un nuovo concorso,che valuterà la qualità e l’estetica degli stand. “Per quanto possa essere una rassegna specialistica rivolta ad una platea di professionisti e di tecnici – ha concluso Malavolti – EIMA offre un colpo d’occhio e una bellezza straordinari, che meritano anch’essi di essere ‘premiati’”.

21 novembre 2019 ad Ozzano Emilia (BO): Patrocinio UNAGA per il primo convegno sul sorgo nell’alimentazione umana

Sorgo e alimentazione umana. In alcuni Paesi del mondo questo cereale è molto utilizzato per sfamare le popolazioni. Da noi lo si sta scoprendo, soprattutto perché è privo di glutine e quindi indicato per chi soffre di intolleranze alimentari o vuole orientarsi verso un regime alimentare più salutistico.

Il 21 novembre , presso il Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie dell’Università di Bologna (sede di Ozzano Emilia – Via Tolara di Sopra, 50) ,si terrà il convegno dal titolo “Il sorgo, la risposta a un’agricoltura che guarda al futuro”, promosso dall’Organizzazione Interprofessionale Europea Sorghum ID. L’evento rappresenterà un’interessante occasione per scoprire le numerose potenzialità di questo cereale, il quinto per importanza al mondo, rispetto alle molteplici destinazioni di utilizzo. Non ultima quella legata all’alimentazione umana.

Il saluto di UNAGA, che patrocina il convegno, sarà portato dal Presidente Roberto Zalambani.

“I valori nutritivi del sorgo sono straordinari – afferma Monia Caramma, chief research & development officer di Macaronicus AG – la sua composizione chimica è molto interessante da un punto di vista nutrizionale perché contiene una percentuale molto elevata di fibra (circa l’80%) che migliora la funzionalità del sistema digestivo riducendo il colesterolo LDL,  a cui si aggiunge quasi l’11% di proteine, rappresentate da alcuni aminoacidi essenziali,  e una frazione di lipidi superiore del 2-3% a quella presente nel grano e nel riso. Il sorgo è inoltre molto digeribile e per questo facilmente assimilabile dall’organismo umano, contiene importanti sali minerali come il ferro, il calcio, il potassio a cui si aggiungono la vitamina B3 e la E. Grazie alla sua composizione può essere utilizzato per controllare il diabete, offrire un’opzione alimentare alle persone che soffrono di celiachia, migliorare la salute dell’apparato digerente e la densità delle ossa. Il sorgo infine contiene importanti antiossidanti che permettono di neutralizzare i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento e della trasformazione delle cellule sane in cellule tumorali. La quantità di magnesio presente in questo cereale – conclude Monia Caramma – garantisce il corretto equilibrio e assorbimento di calcio nel corpo: entrambi questi minerali intervengono nel processo di sviluppo del tessuto osseo contribuendo a prevenire osteoporosi e artrite”.

Per informazioni stampa:

Anna Mossini (associata Arga)

tel. +39 335/1253964  annamossini.bo@gmail.com

Bologna: Successo per il Salone nazionale Marroni e Castagne d’Italia

Foto di gruppo dei protagonisti della prima giornata del Salone

ARGA e UNAGA hanno collaborato al Salone nazionale marroni e castagne d’ Italia; l’ evento ha completato un percorso didattico per la stampa specializzata durato per tutto il 2019 con un grande convegno di tutti gli attori della filiera emiliano-romagnola presso la Regione a cui ha fatto seguito il convegno nazionale “Castanea” a Pergine Valsugana e ancora la visita all’azienda “Il regno del marrone” e al Museo del castagno a Castel del Rio, per poi arrivare a FICO Bologna per tre giornate di grande interesse tra convegni, mostra mercato e concorso nazionale degli Istituti alberghieri.

La manifestazione nella città del cibo più grande d’Italia è stata anche l’occasione per l’assemblea delle Città del castagno.

Al primo convegno, svoltosi l’ 8 dicembre 2019 scorso, ha portato il saluto il Presidente di UNAGA Roberto Zalambani.

Sul tema: “Selve castanili e cambiamenti climatici” sono intervenuti i massimi esperti del settore. E’ seguita la visita a tutte le aziende espositrici alla quale, insieme a Zalambani, per ARGA hanno partecipato Pier Luigi Nanni e Stefano Bugamelli e il Direttore del Centro Studi Emilia dell’Accademia Italiana della Cucina Piergiulio Giordani Pavanelli.

Al gruppo si sono uniti i dirigenti di Fico Eataly World e del Caab, Giuliano Poletti già Ministro del Lavoro e Alberto Manzo Dirigente del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali nonchè i rappresentanti della Regione Emilia Romagna.

Il secondo convegno del 9 novembre 2019 ha avuto come tema: “Selve castanili e paesaggi: nuove destinazioni e offerte turistiche”.

Anfitrione della manifestazione il collega Massimo Seragnoli direttore di Sinettica e esponente di punta dell’ASA.

Il prossimo appuntamento sarà a Marradi (Firenze) il 7 dicembre 2019 con un convegno che, al Teatro Borsi, tratterà del contrasto alle malattie e della gestione degli insetti del castagno.

Coordinerà il Presidente del Centro di Documentazione sul Castagno Elvio Bellini, il massimo esperto mondiale della materia.

taglio del nastro della mostra mercato nazionale dei marroni e delle castagne d’Italia

Roberto Zalambani e Giuliano Poletti visitano il Salone

Le foto sono di Natalia Banaszewska