Categorie

Archivio

24 ottobre 2018 a Bologna: Prima edizione di #Mortadelladay con il patrocinio di UNAGA

UNAGA, ha concesso il patrocinio alla prima edizione di #Mortadelladay – evento organizzato a Bologna e che si terrà il 24 ottobre 2018 per celebrare i 357 anni dall’ emanazione di un primo editto a firma del cardinale Farnese che regolava la produzione del succulento insaccato noto in tutto il mondo.

Promuove la manifestazione il Consorzio Mortadella Bologna che ha voluto iniziare alle ore 11:00 sul sagrato della Basilica di San Petronio in piazza Maggiore con la cerimonia di presentazione della statua dedicata alla Mortadella che verrà donata alla Diocesi in continuità con il suo antico promotore. Seguirà il trasferimento nella Fabbrica Italiana Contadina (FICO) con eventi promozionali e la presenza di Vittorio Sgarbi, banditore d’eccezione per un’asta benefica.

Per adesioni stampa entro il 18 ottobre 2018:

Silvia Voltan silvia.voltan@pragmatika.it  (051 6242214 – 331 1860936)

Roberto Zalambani  Presidente Unaga zalambanir18@gmail.com

Valentina Borghi, amica di Arga e Unaga al vertice di Coldiretti Bologna

Lo stand di “Funghi Valentina” al SANA di Bologna – Insieme a Valentina Borghi (subito sotto il suo nome), alla sorella, alla mamma e al primogenito Leone, Lisa Bellocchi, vice Presidente dell’ Enaj, Emilio Bonavita Presidente Arga Emilia Romagna, Roberto Zalambani, Presidente Unaga e Stefano Bugamelli consigliere Arga

Ospitò nell’azienda di famiglia un Consiglio nazionale dell’Unaga una decina di anni fa; di recente ha ospitato, con mamma, sorella e il primogenito Leone nello spazio espositivo allestito all’ interno della Fiera Internazionale SANA, una delegazione di Arga Emilia Romagna.

Valentina Borghi, imprenditrice agricola di Minerbio, è stata eletta nei giorni scorsi Presidente di Coldiretti Bologna, la maggiore organizzazione agricola della provincia con 6 mila soci le cui aziende  danno lavoro a quasi 5 mila dipendenti.

Laureata in economia aziendale, conduce con i genitori la “Valentina Funghi”, un’ impresa con sede nella pianura bolognese con 63 ettari di seminativi e 20 mila metri quadrati di serre dove produce funghi biologici e dà lavoro a 120 dipendenti. Buona parte dell’ energia è ottenuta da impianti fotovoltaici. Commercializza i funghi in tutta Italia ma partecipa anche ai mercati di Campagna Amica, la rete di vendita diretta di Coldiretti.

29 settembre 2018: a Guastalla, è nata l’alleanza Unaga-RARE

Il protagonisti del convegno di Guastalla

Al termine del convegno nazionale “Razze autoctone italiane tra tradizioni, racconti e leggende” (Guastalla, 29 settembre 2018) è stato siglato un patto di collaborazione tra la nostra Unione e l’Associazione Italiana per la tutela delle razze autoctone a rischio estinzione nella persona dei due Presidenti Roberto Zalambani e Floro De Nardo alla presenza dell’ intero Consiglio Direttivo di RARE che aveva partecipato all’ incontro che ha messo a fuoco i programmi di difesa della biodiversità nel nostro Paese e lanciato un grido d’ allarme a difesa delle 130 razze antiche italiane a rischio .

Per formare persone consapevoli servono giornalisti sensibili e professionalmente preparati. In tale ottica nei prossimi mesi verranno messe a punto specifiche attività formative.

Roberto Zalambani e Floro De Nardo

 

IERI A MONTESILVANO (PE) GIORNALISTI ED AVVOCATI A CONFRONTO SULLA DIGNITA’ DEL LAVORO AUTONOMO: EMERSE SIMILITUDINI TRA LE DUE PROFESSIONI

(Montesilvano, 6 ottobre 2018) La prof.ssa Elisabetta Catapane: “L’ansia se non sconfina nel patologico, è utile e necessaria”.

Si è tenuto ieri, presso il Grand Hotel Adriatico di Montesilvano, il Corso di Formazione Continua organizzato da Arga Abruzzo (i giornalisti agricolo-ambientali territoriali della FNSI), di concerto con l’Ordine dei Giornalisti D’Abruzzo, sul tema: “La dignità del lavoro autonomo: giornalisti ed avvocati a confronto”. Oltre centoventi i professionisti presenti, tra avvocati e giornalisti.

“Il confronto tra le due categorie professionali – spiega Donato Fioriti, presidente Arga Abruzzo e Vice Pres. Naz. Vicario Unaga (i giornalisti nazionali agricolo ambientali della FNSI)- ha portato a scoprire similitudini ed assonanze”.

“Da parte nostra sindacale- aggiungono Donato Fioriti Roberto Zalambani – come Arga Abruzzo (FNSI ) e Unaga (FNSI) ai massimi livelli , siamo pronti ad un’azione sinergica comune con gli avvocati, così come la stessa disponibilità l’abbiamo ricevuta dall’Associazione Nazionale Forense guidata dal segretario nazionale Marcello Pacifico e dall’Ordine degli avvocati di Pescara, attraverso le parole del vice presidente Federico Squartecchia, che ha tenuto un intervento puntuale, preciso e molto apprezzato”

Dalle parole di Candida De Novellis (Lav. Aut. FNSI e dirigente Arga Abruzzo), Maurizio Bekar (Coord. Naz. Lav. Aut. FNSI) e Roberto Zalambani (Pres. Naz. Unaga-FNSI)  è emerso, tra le altre cose che,  oltre il 70% dei giornalisti svolge il lavoro autonomo, con uno stipendio medio di 9.000,00 euro, contro i 10.000,00 euro degli avvocati, entrambe le categorie hanno una contribuzione soggettiva, oggettiva e per maternità , da un lato per l’Inpgi e dall’altro per la cassa forense, e che è indispensabile un rapporto trasparente, per un verso con l’utente di informazioni e per l’altro con il cliente.

Efficace l’intervento dell’avv.ssa Patrizia Pennese (fiduciaria Arga Abruzzo), da ex giornalista televisiva, che ha saputo toccare i punti di raccordo e di possibile collaborazione tra le due professioni ,mettendo comunque in risalto gli aspetti che non vanno e che, culturalmente, vanno modificati”.

La prof.ssa Elisabetta Catapane, nel sottolineare le implicazioni di carattere ansiogeno nel lavoro autonomo, comuni alle due professioni, ha evidenziato come l’ansia sia in realtà fattore positivo, in certa misura.

Sia avvocati che giornalisti hanno fatto riferimento alla carta deontologica di Firenze come ad un valore reale da spendere.

Per aggiungere materia e corpo al dibattito ci sono stati interventi programmati della società civile, dalla parte dei consumatori (dott. Ernesto D’onofrio) , sulla sicurezza digitale (ing. Rino D’emilio), di spunto psicologico (dott.ssa Claudia Fioriti)

8-9 OTTOBRE 2018 A MILANO: GLI STATI GENERALI DELL’INFORMAZIONE TURISTICA E AGROALIMENTARE

8-9 OTTOBRE 2018 A MILANO: GLI STATI GENERALI DELL’INFORMAZIONE TURISTICA E AGROALIMENTARE

“Giornalismi e nuove professioni dell’informazione” 

Due giorni di analisi e approfondimento nell’Anno del Cibo italiano 

Milano, 8 – 9 ottobre 2018 – Palazzo Lombardia, Sala Biagi 

Il  GIST,  Gruppo  Italiano  Stampa  Turistica,  insieme  ad  Arga  Lombardia  Liguria,  associazione  di giornalisti agroambiente e food che fa capo a Unaga, organizzano

gli ‘Stati Generali dell’informazione turistica e agroalimentare 2018’ nell’’Anno del cibo italiano nel mondo’.

L’evento intende fare il punto della situazione sul tema del lavoro giornalistico nel settore turistico e agroalimentare diffuso attraverso i canali più tradizionali su supporto cartaceo, radiofonico, televisivo e web ma anche e soprattutto alimentando i flussi di comunicazione e engagement sui social media. In questo scenario è previsto un focus sull’attività di blogger, storyteller e influencer, anche non iscritti all’Albo dei giornalisti, il cui ampio seguito li colloca come fonti di informazione per chi naviga in rete.

La “due giorni” di lavori gode del patrocinio di Regione Lombardia e dell’Associazione della Stampa Estera sede di Milano. L’occasione sarà utile per un aggiornamento sullo stato dell’arte delle professioni del digitale negli ambiti che questo momento di approfondimento intende affrontare. Tra gli obiettivi degli Stati

Generali anche un’analisi degli aspetti contrattuali ed economici relativi alle attività dei giornalisti nei settori turismo, viaggi, enogastronomia.

In considerazione dei temi affrontati, parteciperanno ai lavori Ordine nazionale Giornalisti, Ordine giornalisti Lombardia, Federazione Nazionale della Stampa Italiana (di cui Gist e Arga Lombardia Liguria sono gruppi di specializzazione), Unaga (l’Unione di tutte le Arga territoriali), Associazione Lombarda Giornalisti e Casagit.

Per quanto concerne le istituzioni, oltre agli assessori di Regione Lombardia Lara Magoni (Turismo, Marketing territoriale e moda) e Fabio Rolfi (Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi), è stato invitato il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana.

Sede dei lavori sarà la Sala Biagi di Palazzo Lombardia, con circa 450 posti a sedere e la possibilità di trasmettere  i  lavori  in  streaming,  in  diretta,  sul  sito  istituzionale  di  Regione  Lombardia  e, eventualmente, sui siti di Ordine giornalisti e Fnsi.

Gli Stati generali dell’informazione turistica e agroalimentare coincideranno con la prima edizione della Milano Wine Week, dal 7 al 14 ottobre. 

Lunedì 8 ottobre 

Stati Generali dell’informazione turistica e agroalimentare   

Palazzo Lombardia (piazza Città di Lombardia, 1 – Milano), Ingresso N4, Sala Biagi, primo piano

La partecipazione dei giornalisti all’evento consente l’acquisizione di crediti formativi (3 ore, 3 crediti)  

Sessione plenaria – Inizio lavori ore 9.

Introduzione lavori: Fabio Benati di Arga Lombardia Liguria e Sabrina Talarico, presidente Gist

Saluto istituzionale Presidente Regione Lombardia Attilio Fontana

Saluti  assessori  regionali  Lara Magoni  (Turismo,  marketing territoriale e  Moda)  e   Fabio Rolfi (Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi)

Segretario Consiglio Nazionale Ordine Giornalisti Guido D’Ubaldo  

Segretario Generale aggiunto Fnsi (Federazione Nazionale Stampa Italiana) Carlo Parisi  

Presidente Ordine dei Giornalisti della Lombardia Alessandro Galimberti 

Presidente Associazione Lombarda Giornalisti Paolo Perucchini  

Consigliere delegato Associazione Stampa Estera di Milano Andrew Spannaus  

Vicepresidente vicario di Casagit,  Gianfranco Giuliani 

Due sessioni di lavoro parallele 

Evento formativo 

– ore 10, FOCUS: Giornalismi e nuove professioni dell’informazione

Introduzione

Alessandro Galimberti,  presidente Ordine Giornalisti Lombardia 

– MeMe: Meno, Meglio. Guida pratica per non temere il digitale

Alberto Puliafito, giornalista e direttore Slownews;

– Come evolve il rapporto con uffici stampa e pr,

Domenico Palladino, giornalista e digital pr;

– Giornalismo e Instagram nel Turismo

Andrea Albanese, social media marketing e digital communication advisor

 

ThinkLab 

Sala 4  (adiacente alla Sala Biagi) 

– ore 10TALK :  Superare il mismatch, andare in “rete”

Focus: cosa si aspettano aziende e operatori del settore dall’ecosistema dei media e dalla stampa specializzata; cosa possono fare i giornalisti e i professionisti  della comunicazione digitale per contribuire a creare valore e incrementare l’attrattività turistica dei territori italiani. Networking per favorire  il consolidamento di una nuova “rete” proattiva al servizio della promozione e valorizzazione del ‘Made in Italy’ 

Introduce  Fabio Benati, Arga  Lombardia  Liguriapromotore  e  co-organizzatore  Stati  Generali informazione turistica e agroalimentare a Palazzo Lombardia

modera: Attilio Barbieri, giornalista del quotidiano Libero, blogger e responsabile di ‘Italia in prima pagina’

intervengono:

Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi di Regione Lombardia 

Ettore Prandini, presidente Coldiretti Lombardia e vice presidente Coldiretti nazionale;

Barbara Reverberi, presidente Arga Lombardia-Liguria e founder Freelance network;

Paolo Cuccia, presidente del consiglio di amministrazione di Gambero Rosso

Saranno presenti esponenti delle istituzioni che dialogheranno con stampa e operatori dei settori interessati. Tra questi, hanno già aderito Roberto Lechiancole, imprenditore (fondatore del primo Wine Resort in Italia, Prime Alture di Casteggio), Carlo Pietrasanta (presidente Movimento Turismo del Vino Lombardia e titolare dell’azienda Pietrasanta Vini e Spiriti di San Colombano al Lambro/Mi),

Giuliano Marchesin, direttore di Unicarve (allevatori veneti che hanno ottenuto marchio Qualità Verificata), Federico Gordini organizzatore Milano Wine Week e altri che stanno confermando in questi giorni, Flavio Bottoni, presidente Accademia del pizzocchero di Teglio.

– ore 14.00Gruppi di lavoro per aree tematiche, al termine elaborazione Manifesto stampa turistica e agroalimentare.  

I componenti dei singoli tavoli si ritrovano nelle sale riunioni assegnate all’interno di Palazzo Lombardia con ingresso da Nucleo 4.  Al termine si ritroveranno in Sala Biagi per la condivisione del documento e la redazione della sua versione definitiva.  

TAVOLI TEMATICI 

Tavolo 1 – Deontologia, pubblicità occulta, privacy

Coordina Carmen Guerriero (Gist)

Componente Unaga: Roberto Zalambani, presidente Unaga

Componenti Arga Lombardia Liguria: Rino Felappi, già presidente del Consiglio Nazionale di disciplina Ordine giornalisti,

Tavolo 2 – Tutele economiche e giuridiche 

Coordina Nicoletta Martelletto (Gist)

Componente Unaga: Donato Sinigaglia, Consigliere nazionale Unaga e Gist

Componenti Arga Lombardia Liguria: Maurizio Ferrari, direttore di De-gustare

Tavolo 3 – Monitoraggio media, misurazione risultati, credibilità, tutto ciò che è fake

Coordina Ivana Cenci (Gist) 

Componente Unaga: Mimmo Vita, presidente Comitato Tecnico Scientifico Unaga

Componenti Arga Lombardia Liguria: Attilio Barbieri, giornalista del quotidiano Libero e blogger; Carlo Gaeta, direttore portale Brianza Più

Tavolo 4 – Perimetro della professione, figure emergenti

Coordina Chiara Rosati (Gist)  

Componente Unaga: Enrico Della Torre, direttore di  Vivi Appennino, agenzia di promozione turistica del territorio dell’Appennino italiano

Componenti Arga Lombardia Liguria: Mariangela Traficante,  giornalista esperta di turismo trade e travel blogger; Marco Ceriani, giornalista esperto in nutrizione e in benessere

Tavolo 5 – Formazione e propensione al cambiamento

Coordina Alessandro Gesuelli (Gist)

Componente Unaga: Andrea Guolo, Segretario Arga interregionale Emilia Romagna, Umbria e Marche

Componenti Arga Lombardia Liguria: Oxana Senchenko, giornalista freelance; Sabrina Pinardi,  giornalista Corriere della Sera e Gazzetta di Mantova

Ore 17:00 presentazioni delle sintesi dei tavoli tematici

Ore 17:30 condivisione del documento finale, il Manifesto GIST-Arga Lombardia Liguria  sulla stampa turistica e agroalimentare impegnate, insieme, per valorizzare il Made in Italy.

Il documento sarà inviato alle autorità intervenute agli organi di rappresentanza della categoria dei giornalisti in modo possano pubblicarlo il giorno successivo, dopo la conferenza stampa in cui sarà illustrato.

Martedì 9 ottobre

Corso di formazione per giornalisti  Lombardia prima regione agricola d’Italia: le misure della Regione, lo sviluppo della conoscenza e  cultura dei territori, l’arte dello storytelling 

Palazzo Lombardia (piazza Città di Lombardia, 1 – Milano), Ingresso N4, Sala Biagi, primo piano

Mattino, 9 -12    (tre ore, 3 crediti formativi)

Introduce  e  modera  Fabio  Benati  di  Arga  Lombardia-Liguria,  associazione  interregionale  di giornalisti agroambiente e food aderente a Unaga (Gruppo di specializzazione Fnsi)

Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione Sistemi verdi della Regione Lombardia

Il quadro generale, le misure di Regione Lombardia, le criticità della Pac, gli interventi per valorizzare il comparto e gli obiettivi di legislatura 

Simonetta Pozzi, docente all’Osservatorio nazionale di Storytelling e nel 2017 al Master di Corporate Storytelling dello IULM di Milano

La narrazione dei territori con lo storyteling una nuova forme di giornalismo  

Claudia Sorlini, Professore emerito dell’Università degli Studi di Milano e vice presidente del Touring Club Italiano (TCI) è stata Professore ordinario di Microbiologia Agraria, Dipartimento di Scienze per gli alimenti la nutrizione e l’ambiente e Preside della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Milano

Arte, paesaggio, agricoltura e presìdi culturali e colturali   

Andrea Radic, giornalista, collaboratore di Ansa Terra e gusto, Le Frecce, rivista delle Ferrovie dello Stato e di Rai Radio 7

Nuovi linguaggi del giornalismo visuale per valorizzare i primati della Lombardia 

—————————————————————————————————————————– ——

IL MANIFESTO DELLA STAMPA TURISTICA E AGROALIMENTARE  

–  ore 12 circa, Sala  Stampa  (Palazzo  Lombardia,  ingresso  da  N1,  11esimo  piano)

conferenza stampa presentazione Manifesto Stampa turistica e agroalimentare

Intervengono:

Attilio Fontana, presidente  Regione  Lombardia

Sabrina Talarico,  presidente  Gist

Barbara Reverberi,  presidente  Arga  Lombardia-Liguria

Fabio  Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione e sistemi verdi Regione Lombardia

Lara Magoni,  assessore  Turismo,  Marketing  territoriale  e  Moda  Regione  Lombardia

Andrea Guolo, Unaga

Guido D’Ubaldo, Segretario  Ordine  Nazionale  Giornalisti   

Alessandro Galimberti, presidente  Ordine  Giornalisti  della  Lombardia  

Anna Del Freo, segretario  generale  aggiunto  vicario  Fnsi  (Federazione  Nazionale Stampa  Italiana) 

———————————————————————————————————————————–

Corso  di  formazione  per  giornalisti

L’ecosistema dell’alimentazione: dalla contraffazione del Made in Italy alla nuova sostenibilità 

delle materie prime. Le opportunità di nuovi linguaggi del digitale per una corretta informazione 

Palazzo Lombardia (piazza Città di Lombardia, 1 – Milano), Ingresso N4, Sala Biagi, primo piano

Pomeriggio, 14.30 – 18.30 (quattro ore , 4 crediti formativi)

Introduce e modera: Fabio Benati, Arga Lombardia Liguria

interventi di :

Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia

Rolando Manfredini, capo area sicurezza alimentare Coldiretti Nazionale

La contraffazione alimentare, dimensioni e scenari di un fenomeno in espansione 

Marta Pellizzi, formatrice digitale 

Usare Telegram e i suoi canali per una corretta informazione nel comparto enogastronomico e agroalimentare 

Attilio Barbieri, giornalista di Libero e blogger responsabile sito ‘Italia in prima pagina’

I prodotti tarocchi al supermercato, saper leggere le etichette, le norme Ue e italiane di tutela dei prodotti  

Riccardo Lagorio, giornalista. Collabora con il mensile Dove e con alcune importanti testate di turismo ed enogastronomia.

Raccontare l’innovazione dei prodotti alimentari e far conoscere le eccellenze dei territori 

Francesco Facchini, presidente associazione Italian Mojo

Mobile Journalism e Drone journalism nuovi orizzonti della produzione di contenuti nel comparto agroalimentare 

SECONDA GIUNTA UNAGA A MILANO, NELLA SEDE DELLA “LOMBARDA“

Foto di gruppo dei giornalisti partecipanti alla Giunta Unaga di Milano.

Efrem Tassinato, oltre che collega giornalista enogastronomico anche chef, presenta una selezione di prodotti tipici regionali delle Wigwam Local Community italiane

Seconda riunione di Giunta dell’Unaga a Milano l’8 settembre 2018 grazie all’ ospitalità dell’ Associazione Lombarda dei Giornalisti. Gli onori di casa, a nome della Presidente Barbara Reverberi, sono stati fatti dal  segretario dell’Arga Lombardia Fabio Benati e dal vicepresidente Mauro Gioiosa affiancati da Gaetano Belloni, consigliere e da Oxana Senchenko nominata recentemente componente per la Lombardia della consulta nazionale del comitato tecnico scientifico dell’Unaga. Presente anche il decano dei giornalisti lombardi Rino Felappi. Per l’Unaga il presidente Roberto Zalambani, il segretario generale Gian Paolo Girelli e il tesoriere e responsabile della segreteria nazionale Efrem Tassinato. Dopo i saluti del segretario Arga Lombardia Benati, il presidente Zalambani ha illustrato la situazione attuale e le attività fin qui intraprese. Ha ricordato i lavori svolti durante la Giunta di Napoli e ha letto una  relazione della collega Lisa Bellocchi responsabile dei rapporti internazionali, auspicando una sua riconferma nell’importante e delicata carica di vice Presidente dell’ Enaj dell’alimentazione.  . Nell’incontro sono stati definiti alcuni importanti passaggi tra i quali la definizione dei rappresentanti ai tavoli di lavoro per il prossimo importante appuntamento a Milano in ottobre: “Gli Stati Generali dell’informazione turistica e agroalimentare” ai quali parteciperà anche l’Unaga.  Il segretario generale Girelli è intervenuto sul tema degli ingressi nelle Fiere specializzate con le limitazioni imposte attualmente da alcune Fiere a molti colleghi che vanno a ledere l’indipendenza e la dignità della professione giornalistica.  Al termine dei lavori Efrem Tassinato ha proposto una degustazione di prodotti tipici di aziende e produttori regionali delle Wigwam Local Community italiane.

29-30 settembre 2018 a Guastalla (Re): anche UNAGA alla 22^ Fiera “Piante e animali perduti”

50 mila visitatori nel 2017, altrettanti attesi tra il 29 e il 30 settembre 2018 a Guastalla, città della sponda reggiana del Po, per la ventiduesima edizione di una delle piu’ belle fiere d’ Italia ” Piante e animali perduti ” con 500 espositori e che vede per la prima volta la partecipazione di Unaga e Arga Emilia Romagna.

Pani e dolci di grani antiche, Parmigiano reggiano di vacche rosse, introvabili eccellenze gastronomiche, rose e fiori da collezione,frutti antichi e varietà rare, animali rurali di razze antiche, artigianato tradizionale, ogni varietà di ceci, fagioli e lenticchie fino alla lana filata della pecora Saltasassi, al ritrovamento della pecora Balestra, i ronzii delle api e le tradizioni dell’ allevamento del maiale in Sicilia.

In questa grande festa della biodiversità e del bio mercato, il piu’ importante convegno si svolgerà sabato 29 settembre alle ore 9,30 nel Palazzo Ducale di via Gonzaga e avrà come tema:” Razze autoctone italiane tra tradizioni,racconti e leggende “; sarà coordinato dal Presidente di RARE Floro De Nardo e sarà introdotto dal Presidente di Unaga Roberto Zalambani.

Per il programma completo, informazioni e ufficio stampa: www.pianteanimaliperduti.it

A Torino, 20-24 settembre 2018: La Robiola di Roccaverano DOP a “Terra Madre” Salone del Gusto

E’ ancora fresca del successo ottenuto in terra valdostana in occasione della Festa del Lardo d’Arnad DOP, dove è stata presente come ospite d’onore qualche settimana fa, che la Robiola di Roccaverano DOP torna in scena per ottenere altri consensi da parte di semplici consumatori ed esigenti gourmet. Si, perché il celebre formaggio caprino piemontese piace proprio a tanti, per non dire a tutti. Saranno le giornate del Salone del Gusto edizione 2018 ad offrire un’ampia platea di pubblico alla Robiola, al suo Consorzio di Tutela e a tutte Aziende Agricole che la producono.

Dal 20 al 24 settembre a Torino aprirà le porte la XII edizione di “Terra MadreSalone del Gusto. L’edizione di quest’anno del grande evento, dicono gli organizzatori, forti delle esperienze passate, in particolare quella del 2016, dovrà risultare la più bella di sempre. Motivo per cui Slow Food, Città di Torino e Regione Piemonte, in collaborazione con il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e il coinvolgimento del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo si prefiggono ancora una volta di sorprendere con una nuova formula. Il tema di questo 2018 è “Food for Change

Ma le cinque giornate torinesi dovranno anche essere un’esperienza molto appagante per tutti colori che vi prenderanno parte. La manifestazione internazionale del cibo buono, pulito, sano e giusto per tutti si rimodella ancora e si diffonde in tutta la regione. In evidenza gli scambi tra i delegati e i cittadini ospiti nelle famiglie delle oltre 120 città di Terra Madre e ben 15 Tour DiVini alla scoperta delle bellezze artistiche e paesaggistiche della regione, nonché i sapori tipici del territorio.

La regione ma anche la città di Torino sarà coinvolta su più luoghi e strutture perché tantissime saranno le iniziative parallele. Infatti oltre al Lingotto presso il Palazzo reale si accederà all’enoteca, ai laboratori e al punto dedicato ai Maestri dei cocktail. In Piazzetta Reale il Quality beer academy e i Food truck, mentre all’interno del Palazzo della Regione Piemonte saranno organizzati ben 28 laboratori del gusto. Anche quest’anno non mancheranno le Scuole di Cucina e gli appuntamenti a Tavola.

Per tutte le giornate di manifestazione la Robiola di Roccaverano DOP sarà presente al Lingotto a totale disposizione del pubblico che raggiungerà l’area espositiva. Doveroso ricordare che la Robiola di Roccaverano si produce su un’area compresa tra 10 comuni della provincia di Asti e 9 comuni della provincia di Alessandria. Si produce con latte crudo intero di capra delle razze Roccaverano e Camosciata Alpine e i loro incroci. Per l’alimentazione del bestiame, tenuto obbligatoriamente al pascolo da marzo a novembre, è vietato l’utilizzo di mangimi OGM. L’alimentazione di tutti gli animali deve provenire dal territorio di produzione per almeno l’80%. Fresca o stagionata la Robiola di Roccaverano DOP si caratterizza da una pasta bianca e morbida mentre il suo sapore può variare dal delicato fino al deciso. La forma ha un diametro compreso tra i 10 e i 13 cm e lo scalzo dai 2,5 ai 4 cm. Il peso varia dai 250 ai 400 grammi circa.

Le Robiole fresche richiedono un periodo di maturazione che parte da un mimo di 4 giorni fino ai 10 al termine dei quali assaporiamo un formaggio privo di crosta, arricchito dalla presenza di una lieve fioritura naturale di muffe, dalla consistenza morbida e cremosa e dal sapori delicato, saporito, leggermente acidulo.

Le Robiole stagionate o affiniate richiedono una maturazione minima di 10 giorni e la crosta può presentarsi con un colore paglierino o rossiccio, sempre le eventuali muffe naturali e una consistenza morbida e leggermente compatta fino ad arrivare, con il protrarsi della stagionatura, cremosa nel sotto crosta. Il sapore è deciso. Appuntamento a Torino per vivere insieme un’esperienza importante della quale ci ricorderemo per molto tempo: così come per molto tempo gusteremo ancora con piacere un grande formaggio!!!

INFO: Fabrizio Salce – ufficio stampa

+39 338 3071239

Consorzio di tutela della Robiola di Roccaverano DOP

IERI A ROMA IL MEETING NAZIONALE DEI GIORNALISTI CATTOLICI E NON. LA DELEGAZIONE ARGA ABRUZZO IN UDIENZA DAL SANTO PADRE E ALL’UNIVERSITA’ PONTIFICIA

(13 settembre 2018) Ieri, a Roma,  giornata a tutto tondo per il “V Meeting nazionale dei giornalisti cattolici e non“, con udienza nella mattinata dal Santo Padre e Seminario nel pomeriggio alla Pontificia Università della Santa Croce. Invitata e presente una delegazione di Arga Abruzzo, i giornalisti verdi territoriali di Unaga, il gruppo nazionale di settore della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
La delegazione era composta da: Donato Fioriti, Ugo Iezzi, Adriano Ciccarone, Silva Farnese e Domenico De Simone.
Nel pomeriggio, a nome del gruppo teatino di Arga Abruzzo, è stato consegnato un oggetto rappresentante il Guerriero di Capestrano al responsabile organizzativo del “Meeting nazionale dei cattolici e non”, il giornalista Simone Incicco, alla presenza dei docenti della Pontificia Università

“Essere sul sagrato a due passi da Papa Francesco e sentirlo ringraziare per la nostra presenza, quali giornalisti cattolici e non, -spiegano Donato Fioriti  e Ugo Iezzi, rispettivamente Presidente Vicario Naz.le Unaga e Presidente Vicario Arga Abruzzo- ci ha dato una forte emozione ed è sicuramente di sprono per non dimenticare nella nostra vita quotidiana e lavorativa il concetto e valore fondamentale della testimonianza.”

ARGA CAMPANIA: ENTRO IL 29 OTTOBRE 2018 LE CANDIDATURE AL 7^ PREMIO GIORNALISTICO “FRANCESCO LANDOLFO”

Napoli 21 novembre 2017
Sesta edizione Premio Landolfo: i premiati

Premio Landolfo 2018, via alla settima edizione. Scade il prossimo 29 ottobre il bando di partecipazione alla settima edizione del premio di giornalismo “Francesco Landolfo”. Indetto da Ordine dei giornalisti della Campania, Sindacato Unitario Giornalisti della Campania, quotidiano “Roma” e Arga Campania. Il premio vuole valorizzare le intuizioni e l’impegno di Francesco Landolfo – fondatore dell’Arga Campania, vicedirettore del “Roma” e segretario dell’Ordine dei giornalisti della Campania – nella formazione dei giovani colleghi e premia i migliori servizi giornalistici sui temi di ambiente, agricoltura e ricerca scientifica in Campania. I vincitori delle tre sezioni (carta stampata, radio-televisione, web) riceveranno un assegno di mille euro e una targa.

 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Settima Edizione 

BANDO

ART. 1

L’Ordine dei Giornalisti della Campania, il Sindacato Unitario Giornalisti della Campania (Sugc), il quotidiano Roma e l’Arga Campania indicono la settima edizione del Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”. Il premio ricorda e valorizza le intuizioni e l’impegno di Francesco Landolfo, fondatore e presidente dell’Arga Campania, vicedirettore del Roma e segretario dell’Ordine dei giornalisti della Campania, nella formazione dei giovani colleghi e premia il miglior lavoro giornalistico su ambiente e natura, agricoltura, territorio e ricerca scientifica in Campania.

ART. 2

Il premio è rivolto ai giornalisti professionisti, praticanti e pubblicisti iscritti all’Ordine dei Giornalisti.

ART. 3

Il premio è diviso in tre sezioni: carta stampata, radio-televisione, web. Il vincitore di ogni sezione sarà premiato con una targa e un assegno di euro 1.000,00 (mille).

ART. 4

Ogni candidato potrà partecipare con un solo lavoro pubblicato nel periodo 2017-2018. La partecipazione è gratuita; gli articoli, foto e cd non saranno restituiti.

ART. 5

I lavori, corredati da abstract, breve curriculum vitae, dati anagrafici e recapiti del/della concorrente, dovranno essere inviati entro e non oltre il 29 ottobre 2018 a mezzo raccomandata con R.R. o portati a mano alla segreteria del premio “Francesco Landolfo”, presso la redazione del quotidiano “Roma”, via Chiatamone 7, 80121 Napoli.

ART. 6

La Giuria del premio è composta da: Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania; Claudio Silvestri, segretario del Sindacato Unitario Giornalisti della Campania; Antonio Sasso, direttore editoriale del “Roma”; Pasquale Clemente, direttore responsabile del “Roma”; Geppina Landolfo, presidente Arga Campania; Gianpaolo Necco, consigliere nazionale Fnsi e Unaga (Unione nazionale delle Arga); Antonella Monaco, delegata Arga Campania; Gennaro Famiglietti, presidente dell’Istituto di cultura meridionale; Francesco Fimmanò, docente universitario e consigliere nazionale della Corte dei conti. Il giudizio della giuria è insindacabile; la partecipazione al Premio implica l’accettazione di tutte le clausole del presente bando.

ART. 7

I risultati del concorso, le motivazioni ai vincitori e le foto saranno pubblicati e scaricabili dai siti dell’Ordine dei Giornalisti, del Sugc, del quotidiano Roma e dell’Arga Campania. La data e il luogo di premiazione sarà comunicata direttamente agli interessati via email. I premi saranno consegnati esclusivamente ai vincitori presenti alla cerimonia di premiazione. L’invito ufficiale alla Cerimonia di Premiazione non dà diritto al rimborso delle spese di viaggio e di soggiorno.

INFO: ge.landolfo@gmail.com