Categorie

Archivio

16 luglio 2019 ore 11:30 a Modena con ARGA: conferenza stampa di presentazione del “Festival del letame 2019”

Immagine correlata

ARGA Emilia Romagna ha il piacere di invitarVi alla

 CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL

FESTIVAL DEL LETAME:  IL CIBO DELLA TERRA E DELLA SOLIDARIETÀ’

CHE SI SVOLGERA’

martedì, 16 luglio 2019 – ore 11:30 a Modena

PRESSO LA SEDE DI LEGAMBIENTE MODENA “ANGELO VASSALLO”,

SALA POLIVALENTE WINDSOR PARK, VIA SAN FAUSTINO 155 / U 

INTERVERRANNO

  • GRAZIANO POGGIOLI: Ideatore del “Festival del Letame”
  • FABIO BRESCACIN: Presidente Ecor Naturasi’
  • ANDREA TRENTI: Legambiente Circolo di Modena “Angelo Vassallo”
  • DANIELE GORRIERI: Assessore del Comune di Serramazzoni
  • ALESSANDRA FILIPPI: Assessore ambiente agricoltura del Comune di Modena
  • ROBERTO ZALAMBANI: Presidente Unaga – Fnsi (giornalisti italiani dell’ agroalimentare e dell’ ambiente)

Seguirà un momento conviviale

GRADITE CONFERME ENTRO LUNEDI’ 15/07/1919 a

GRAZIANO POGGIOLI +39 333 3434571

ROBERTO ZALAMBANI +39 348 6268645   zalambanir18@gmail.com 

Oppure a: argasegreteria@gmail.com

In attesa di incontrarVi, un cordiale saluto.

LISA BELLOCCHI, PRESIDENTE ARGA INTERREGIONALE

GRAZIANO POGGIOLI

ROBERTO ZALAMBANI

Il programma completo del festival in:    www.santaritabio.com

IL CONSIGLIO NAZIONALE UNAGA-FNSI DEL 21-22 GIUGNO 2019 A ROMA, CON TANTI EVENTI COLLATERALI

L’incontro del C.N. di UNAGA-FNSI presso la “Sala dei Re di Roma” dell’Ufficio relazioni con il pubblico dei Carabinieri Forestali

Il Corso sulla comunicazione delle emergenze con l’INGV

La lectio magistralis del Prof. Giovanni Maria Flick

Il Consiglio Nazionale di UNAGA-FNSI

Una “Due giorni” romana ricca di stimoli e di attività professionali e culturali ha caratterizzato il recente Consiglio nazionale di Unaga (l’Unione delle Arga) svoltosi dal 21 al 22 giugno 2019, con al centro la sede della Federazione Nazionale della Stampa Italiana in corso Vittorio Emanuele II a Roma.

I lavori sono iniziati nella “Sala dei Re di Roma” dell’Ufficio relazioni con il pubblico dei Carabinieri Forestali in via Salandra a Roma con la presentazione, da parte del Ten. Col. Nicolò Giordano, del Direttore Magg. Stefano Cazora e della redattrice Annalisa Maiorano dell’ Ufficio Editoria del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, della prestigiosa rivista di ambiente e territorio “Natura”, a cui è seguita l’ inaugurazione della mostra fotografica “Emozioni dai Parchi” curata dalla giornalista di Arga Lazio Paola Scarsi. Tra i numerosi partecipanti, per Unaga il Presidente Roberto Zalambani, il Presidente del Comitato Tecnico Scientifico Mimmo Vita e Efrem Tassinato responsabile della Segreteria nazionale e del web istituzionale UnagaNews.org. Per Arga Lazio il Presidente Roberto Ambrogi e la vice Cristiana Persia; per Arga Marche la Presidente Luana Spernanzoni; per Arga Emilia Romagna il Presidente Emilio Bonavita.

Nel lungo pomeriggio della prima giornata ,nelle sale della Fnsi, si sono tenuti due importantissimi corsi di formazione con i crediti formativi per i giornalisti. Il primo sul ” Ruolo dell’ informazione nei disastri ambientali a dieci anni dal terremoto dell’ Aquila ” ha visto gli interventi di Roberto Ambrogi, Giampaolo Girelli, Luana Spernanzoni, Roberto Zalambani, Mimmo Vita, Cristiana Persia, Giacomo Cavuta, del Consigliere dell’Ordine dell’Abruzzo Daniele Imperiale a contorno delle relazioni svolte da Valeria De Paola e da Massimo Crescimbene, rispettivamente coordinatore dell’ ufficio stampa e Urp e responsabile comunicazione e divulgazione scientifica area terremoti dell’ Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

E’ seguito il corso di formazione deontologica dal titolo “Informazione e pari dignità sociale: dall’ articolo 2. all’ articolo 3. della Costituzione” tenuto dal noto giurista Giovanni Maria Flick con il coordinamento del Segretario Generale della Fnsi Raffaele Lorusso.

Nella serata diversi consiglieri dell’Unaga hanno partecipato a una visita teatralizzata nel cuore della Roma del Marchese del Grillo con l’ accompagnamento di due attori professionisti che apparivano e scomparivano in angoli suggestivi della città che, a ridosso della Suburra e dei Fori Imperiali, ha visto le geste, ironiche e grottesche, di questo curioso personaggio.

Sabato 22 giugno 2019 si sono tenuti i lavori del Consiglio nazionale dell’ Unione abbinati a un intervento del Presidente del Comitato Tecnico Scientifico Mimmo Vita.

Particolarmente apprezzati gli interventi di Claudio Silvestri, componente di Giunta della Fnsi e neo Delegato al nostro Gruppo di specializzazione ( che ha richiamato il valore di un Sindacato forte, libero e sempre piu’ aderente ai bisogni dei giornalisti e della comunità), della vice Presidente dei giornalisti agricoli europei Lisa Bellocchi, dei componenti di Giunta Unaga Geppina Landolfo, Efrem Tassinato e Gian Paolo Girelli, dei Presidenti delle Arga di Campania, Veneto Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Marche, Toscana, Lazio. Per la Calabria è intervenuta Manuela Lacaria. Il Segretario di Lombardia/Liguria Fabio Benati ha fatto pervenire un intervento scritto.

Al termine dei lavori apprezzato il buffet organizzato dalle piccole fattorie della Rete Wigwam del Lazio e del Veneto.

#STOCOICONTADINI AL VILLAGGIO DI MILANO

Il Presidente di Unaga-Fnsi Roberto Zalambani nello stand Montana del Villaggio Coldiretti di Milano insieme al Direttore del Centro Studi Emilia dell’Accademia Italiana della Cucina Piergiulio Giordani Pavanelli

Oltre cinquecentomila persone hanno visitato,tra il 5 e il 7 luglio 2019, nella grande area allestita a ridosso del Castello Sforzesco, il “Villaggio Coldiretti” di Milano. Cucina degli agrichef, mercato a chilometro zero, street food, fattoria degli animali, agriasilo per i bambini, pet therapy, cosmetica green, tutor dell’ orto. Nella giornata del 6 luglio il Presidente dell’Unaga Roberto Zalambani ha visitato il Villaggio soffermandosi a incontrare  imprenditori agricoli di varie regioni italiane mentre su un maxi schermo veniva proiettata un’ intervista al Ministro alle Politiche Agricole Gianmarco Centinaio. Di particolare interesse la visita allo stand del main sponsor Montana, brand storico delle carni in Italia controllato da Inalca (Gruppo Cremonini), con la presentazione del “Ricettario gourmet” della carne in gelatina.

Nel pomeriggio Zalambani ha visitato , nell’ ambito della XXII Triennale di Milano, la rassegna “Broken Nature”, curata da Paola Antonelli, che mostra, attraverso suggestioni multimediali, i legami fortissimi che uniscono gli uomini all’ ambiente naturale, spesso compromessi, a volte distrutti in modo irreparabile. In distribuzione il volume di Stefano Mancuso “La nazione delle piante” che richiama il diritto di tutti gli esseri viventi all’acqua, al suolo e all’atmosfera puliti.

La mostra, che tutti i giornalisti ambientali dovrebbero visitare, resterà aperta dal martedì alla domenica fino al 1° settembre 2019.

 

INDUSTRIALI DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA: ALESSANDRO MALAVOLTI CONFERMATO PRESIDENTE

Alessandro Malavolti, confermato presidente UNACOMA

In occasione dell’Assemblea delle industrie associate, tenutasi a Varignana svoltasi a Bologna il 27 giugno 2019 scorso, si sono svolte le votazioni per eleggere il presidente di Federunacoma e i presidenti e vicepresidenti delle cinque associazioni che la compongono. Fra le priorità indicate per il biennio prossimo una presenza maggiore sui tavoli politici e lo sviluppo ulteriore delle attività fieristiche. Il rilancio del “made in Italy” tema guida della parte pubblica, che ha visto la partecipazione dell’europarlamentare Paolo De Castro, del capo economista di Confindustria Andrea Montanino, del direttore generale dell’ICE Roberto Luongo e dell’amministratore delegato di GRS Ricerche Enrico Gallorini. La stampa specializzata era rappresentata, tra gli altri dal Presidente Unaga Roberto Zalambani, dalla vice Presidente europea di Enaj Lisa Bellocchi e dal Presidente di Arga Emilia Romagna Emilio Bonavita.

Confermato all’unanimità Presidente di FederUnacoma Alessandro Malavolti. Gli altri eletti sono: per ASSOMAO, Lorenzo Selvatici (Selvatici) presidente e Alessandro Cazzin (Maschio Gaspardo) vicepresidente; per ASSOMASE, Marco Mazzaferri (Laverda/Agco Italia) presidente e Giampaolo Barbieri (Barbieri) vicepresidente; per ASSOTRATTORI, Manlio Martilli (Argo Tractors) presidente e Roberto Castiello (Antonio Carraro) vicepresidente; per COMACOMP, Pier Giorgio Salvarani (Salvarani) presidente e Giovanni Montorsi (Arag) vicepresidente; per COMAGARDEN, Renato Cifarelli (Emak) presidente e Dimitri Fratus (Stiga) vicepresidente. Nella sua relazione all’Assemblea delle oltre 300 industrie associate, Alessandro Malavolti ha presentato il consuntivo del biennio trascorso – che ha registrato uno sviluppo consistente delle attività di internazionalizzazione, oltre che di assistenza tecnica e promozione fieristica – e ha tracciato le linee guida per il prossimo mandato, che prevedono un impegno maggiore sul piano politico e delle relazioni istituzionali.

Con Casagit, giornalisti in viaggio assicurati. Sottoscritta convenzione con ERGO

Risultati immagini per casagitPer una assicurazione sanitaria all’estero e sui viaggi in Italia e nel mondo, la CASAGIT (Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti Italiani) ha siglato una convenzione con ERGO ASSICURAZIONE VIAGGI, società leader nel settore viaggi. ERGO offre polizze ad hoc per tutti i soci CASAGIT (iscritti ai profili 1-2-3-4), che possono scegliere sia la classe di prodotto, sia le prestazioni e i massimali più adatti a ogni tipo di esigenza. È possibile creare un prodotto su misura, a seconda del grado di copertura e della spesa che si intende sostenere (vedi sul sito CASAGIT alla voce Viaggi sicuri, cliccare su https://www.casagit.it/casagit-card/pacchetti-assicurativi/viaggi-sicuri e https://partner.ergoassicurazioneviaggi.it/—landing-partner).

Premi Benessere Animale 2019: vince Chef Express del Gruppo Cremonini

Risultati immagini per Premio internazionale Benessere Animale 2019Il 27 giugno scorso a Bruxelles nella prestigiosa sede del Concert Noble, sono stati consegnati i Premi Benessere Animale 2019, i riconoscimenti che CIWF – Compassion in World Farming,  attribuisce alle aziende virtuose. Sono due le aziende italiane vincitrici di quest’anno: ALDI Italia e Chef Express, società che gestisce la ristorazione del Gruppo Cremonini, che hanno entrambe ricevuto un Premio Good Egg per essersi impegnate a eliminare dalle proprie filiere tutti i sistemi di allevamento in gabbia delle galline, comprese le gabbie arricchite e i cosiddetti sistemi combinati. Un riconoscimento per il Gruppo Cremonini, per il quale Unaga che con esso intrattiene rapporti di collaborazione giornalistica, si felicita.
Chef Express, prima azienda italiana a salire sul palco dei Premi Benessere Animale 2019, è uno dei principali operatori italiani nei contesti di viaggio, servendo circa 70 milioni di clienti ogni anno. La società ha ricevuto il Premio Good Egg per l’impegno a eliminare le gabbie per le galline allevate nelle proprie filiere di uova in guscio e ovoprodotti.  Inoltre, Chef Express si è impegnata a eliminare dalle proprie filiere non solo le gabbie arricchite, ma anche i cosiddetti sistemi combinati. Questi sistemi, benché possano essere etichettati come “a terra”, sono composti da strutture multipiano dotate di “cancelletti” che, se chiusi, possono convertire il sistema in un allevamento in gabbia. Si tratta di sistemi inadatti per il benessere delle galline e che non rispondono affatto alle richieste dei consumatori.

 

Friuli Venezia Giulia: l’11^ Carati d’autore 2019 ai due Carlinesi DOC, Mara Navarria e lo chef Sergio Mian

La consegna ad Aquileia anche all’enologo Piero Pittaro e alla giornalista Daniela Paties Montagner

Il Premio Carati d’autore ha scelto stavolta, per l’11^ edizione, due personaggi che hanno dato lustro alla cittadina rurale e rivierasca di Carlino, ma che come spesso capita sono conosciuti e apprezzati soprattutto ‘fuori porta’, sfidati, ricercati, attesi nel mondo, e come avviene trascurati ‘in Patria’. Il mondo dello sport segue da anni le imprese di Mara Navarria. Che sta inseguendo l’ennesimo primato. Ma spesso, al difuori del mondo sportivo, degli appassionati di scherma, non è molto conosciuta. Accade anche in sport più popolari, che offrono visibilità immediata e a spot. A distanza di tempo dagli eventi, di Mara si parla poco. Anche se, nel frattempo, è divenuta mamma, e poco dopo ha ripreso a vincere. Perché fa parte di quella schiera di persone della gente friulana, che appena colpite dalle avversità o dalle difficoltà della vita, in questo caso le sfide dello sport, si sanno rialzare immediatamente, per ritornare a combattere, e vincere. Il premio Carati d’autore, è stato ideato dall’Associazione regionale della stampa agricola, agroalimentare, dell’ambiente e territorio del FVG, dall’Assoenologi FVG, dall’Unione cuochi del FVG, proprio per rilanciare l’immagine di grandi personaggi del territorio che non hanno avuto il giusto riscontro mediatico. O meglio, che hanno compiuto grandi imprese o affrontato sfide nei vari settori della vita di ogni giono, agendo in sordina, da dietro le quinte. Il premio, questa volta è stato consegnato ad Aquileia, presente il nuovo sindaco, Emanuele Zorino. Location di pregio, con suggestiva vista sulla Basilica della città che ha compiuto 2200 anni, l’Azienda Brojli, della famiglia Clementin. Un’iniziativa-evento, condotta dal presidente di Arga FVG, Carlo Morandini, che ha consentito di toccare diversi temi attinenti alla cultura del territorio. Per esempio, un tuffo nella storia locale è stato stimolato dal già sindaco di Carlino, Diego Navarria, ricercatore e studioso, e padre di Mara. Navarria, ha ricordato la Laguna di Marano racchiude numerosi tesori archeologici. Così come sulla terraferma: di recente so o stati avviati gli scavi per recuperare l’antica fornace. Nella quale, ha specificato Navarria, venivano realizzate le stoviglie da destinare ai legionari romani e alle colonie. Assieme a Mara, premiato con i ‘Carati d’autore’, proposto per il riconoscimento dall’Unione cuochi, lo chef Sergio Mian che è originario di Carlino. Maestro dei cuochi, docente allo Ial di Aviano, ha collaborato per vari progetti per la valorizzazione della cucina, che considera in quanto sostenibile e rispettosa delle peculiarità, per esempio in occasione del Giubileo, per il menù del pellegrino, ed è stato giudice in numerosi concorsi internazionali. Fondatore della “Academiute de cusine furlane”, è stato consigliere nazionale e segretario dell’Ordine professionale dei Maestri cucina italiana, insignito del Grand cordon d’or de la cuisine francaise, a Montecarlo, e autore di numerose consulenze in Italia e all’estero, per esempio a Mosca, a Taskent. Sergio Mian è un sostenitore della cucina tradizionale e genuina. E ai suoi allievi non manca di tramandare l’amore e la cura per quei dettagli che assicurano ai piatti il sapore che ci attendiamo, e un’alimentazione salutistica e genuina. Nell’occasione Carati d’autore è stato consegnato a Piero Pittaro, presidente onorario dell’Unione mondiale degli enologi, patriarca del vigneto regionale e antesignano della valorizzazione e trasmissione delle tradizioni locali, non soltanto attinenti al mondo rurale. E a Daniela Paties Montagner, giornalista di origini sacilesi e lombarde, che è impegnata a far conoscere le carature del Friuli Venezia Giulia attraverso i media nel mondo. Accanto al patrocinio del Comune di Aquileia e dell’UNAGA, l’Unione nazionale delle ARGA, hanno collaborato per l’11.edizione del Premio Carati d’autore il Club per l’UNESCO di Udine e Italia Nostra.  

Castanea, dal Trentino un impulso per il rilancio della castanicoltura

Parla Sergio Menapace, Direttore Generale di Fondazione Mach. Al tavolo di Presidenza il Dirigente del Mipaaft Alberto Manzo e il Presidente Unaga Roberto Zalambani.

Bilancio positivo per Castanea 2019, la quattro giorni dedicata alla castanicoltura locale e nazionale organizzata da Fondazione Edmund Mach e Società di Ortoflorifrutticoltura italiana che si è svolta dall’11 al 14 giugno 2019 a Pergine (Tn), sede individuata in virtù del rilancio che i suoi amministratori vogliono dare a questo tipo di coltura in Valsugana, e già peraltro inventariata nel Patrimonio immateriale delle Regioni Alpine. Un grande successo, sia in termini di partecipanti al settimo convegno nazionale, con oltre 150 esperti da tutta Italia ma anche da Svizzera e Slovenia, e in termini di sinergia organizzativa: l’evento infatti, ha visto dialogare enti, istituzioni e associazioni locali e nazionali che ruotano attorno a questa coltura in fase di rilancio che è il castagno.
Il settimo convegno nazionale sul castagno che si è tenuto presso l’Istituto Marie Curie, diretto dalla ricercatrice FEM Luisa Palmieri in qualità di presidente del Comitato organizzatore, ha visto intervenire il Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo con il messaggio video del sottosegretario Alessandra Pesce, la presenza del direttore della Direzione generale delle foreste nell’ambito del Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale del Mipaaft, Alessandra Stefani, e del funzionario Alberto Manzo. L’evento ha coinvolto anche la Provincia di Trento, in quanto patrocinatore, con l’intervento dell’assessore all’agricoltura, caccia e pesca, Giulia Zanotelli. Castanea ha aperto i battenti martedì 11 giugno al Teatro comunale con una serata dedicata alle 15 associazioni italiane che hanno avuto una possibilità unica di presentare la propria attività e di confrontarsi su problematiche comuni, e l’intervento del direttore generale FEM, Sergio Menapace, dell’assessore del Comune di Pergine, Sergio Paoli e del Presidente di Unione nazionale dei giornalisti agroalimentari (Unaga-FNSI), Roberto Zalambani.
Presentati i Programmi di sviluppo rurale dedicati alla castanicoltura in diverse regioni quali il Piemonte, l’Emilia Romagna ed il Lazio.
L’evento Castanea organizzata da Fondazione Edmund Mach e Società di Ortoflorifrutticoltura italiana è stato patrocinato dalle seguenti istituzioni ed associazioni: Provincia autonoma di Trento, Comune di Pergine Valsugana, Associazione Nazionale Città del Castagno, Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Istituto Marie Curie di Pergine Valsugana, Società Italiana di Selvicoltura ed Ecologia Forestale, Centro di Castanicoltura Regionale del Piemonte, Centro Studio e Documentazione sul Castagno di Marradi, APT Valsugana Lagorai.

I numeri del castagno
Le aziende agricole con castagneto da frutto in Italia sono circa 18.000 con una superficie investita a castagneto da frutto pari a poco meno di 43.000 ettari per una produzione annua di 50.889 tonellate. Sono inoltre presenti sul territorio 16 prodotti riconosciuti (4 DOP e 6 IGP) comprendenti 14 varietà frutticole, 2 mieli e 2 farine. Il Trentino ha una superficie coltivata a castagneti di 240 ettari per una produzione annua di 15.000 quintali.

 

 

VIVI APPENNINO CON UNAGA: Accordo per lo sviluppo della Ciclo-Via Appenninica

la firma dell’ accordo tra Andrea Abodi e Enrico Della Torre

Una firma importante con un obiettivo socialmente rilevante: promuovere e incentivare la diffusione di stili di vita sana e incrementare la pratica sportiva cicloturistica in sicurezza.

Questo lo spirito dell’accordo siglato a Roma dal Presidente di ICS, Andrea Abodi, e dal Direttore Generale di Vivi Appennino, Enrico Della Torre, componente del CTS Arga Emilia Romagna, con l’ obiettivo di promuovere l’utilizzo di mezzi di locomozione non inquinanti in grado di favorire la fruizione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese, con benefici effetti sul turismo e l’occupazione.

L’istituto per il Credito Sportivo favorire un’accelerazione del processo di riqualificazione ambientale attraverso prodotti e iniziative da attivare con i soggetti, pubblici e privati, che a vario titolo concorrono allo sviluppo del territorio appenninico.

Vivi Appennino è una rete di imprese nata nel 2014 con il sostegno del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di Confcommercio Imprese per l’Italia e della Stampa Specializzata UNAGA: ha come obiettivo quello di aggregare imprese e istituzioni del territorio appenninico, valorizzando la Dorsale come una delle eccellenze tra le più importanti e strategiche del nostro Paese, promuovendo l’Appennino come luogo del turismo sostenibile e dell’accoglienza.

Il Protocollo d’Intesa ha una durata di tre anni e testimonia la volontà di contribuire in modo misurabile anche alla valorizzazione dei punti di interesse del territorio in linea con il Piano di Sviluppo Sostenibile della Dorsale, con l’obiettivo di definire il percorso individuato da #AppenninBikeTour, la più grande Ciclo-Via d’Italia lungo le strade secondarie dell’Appennino.

Valentina Savigni

15-16 GIUGNO 2019: UNAGA CON LA GIORNATA NAZIONALE #APPENNINO

15-16 GIUGNO 2019: UNAGA CON LA GIORNATA NAZIONALE #APPENNINO