Categorie

Archivio

15-16 GIUGNO 2019: UNAGA CON LA GIORNATA NAZIONALE #APPENNINO

15-16 GIUGNO 2019: UNAGA CON LA GIORNATA NAZIONALE #APPENNINO

14 giugno 2019 ad Aquileia (Ud): l’11.ma Edizione del Premio “Carati d’autore”

News

I premiati di Carati d’autore in una delle precedenti edizioni

CULTURA DEL TERRITORIO: ad Aquileia l’11. Edizione del Premio ‘Carati d’autore’

Andrà ad appartenenti ad ARGA FVG, Assoenologi, Unione cuochi e al mondo sportivo regionale

Saranno consegnati venerdì 14 giugno 2019 ad Aquileia (Ud) i riconoscimenti dell’undicesima edizione del Premio Carati d’autore, ideato nel 2003 dall’Associazione regionale della stampa agricola, agroalimentare, dell’ambiente e territorio (ARGA FVG) e dall’Assoenologi FVG. E che negli ultimi anni coinvolge anche l’Unione cuochi FVG, per rappresentare uno spaccato della realtà professionale che anima l’agricoltura, l’agroalimentare, l’enogastronomia e la cucina della nostra regione. All’azienda agricola Brojli in via Beligna, 30, a partire dalle 18:00 si ritroveranno autorità ed esponenti dell’economia e della cultura del territorio per premiare personaggi che con la loro attività e il loro impegno hanno saputo rendere lustro alle rispettive categorie e favorito la conoscenza delle peculiarità e delle ricchezze che costellano il Friuli Venezia Giulia. L’evento, patrocinato dal Comune di Aquileia nel quale avverrà la manifestazione, darà modo di conoscere anche personaggi che pur avendo raggiunto traguardi importanti non sempre hanno ottenuto un adeguato riscontro mediatico. I nomi dei premiati saranno divulgati nel corso della serata e si aggiungeranno al qualificato e ormai articolato elenco delle eccellenze professionali considerate. Assieme a loro, un premio speciale verrà assegnato come in ogni edizione a un esponente del mondo sportivo regionale che con le sue performance e i risultati ha concorso a far conoscere la terra d’origine. Tra i premiati delle precedenti edizioni Daniele Molmenti, Mauro Pelaschier, Alessia Follador, Stefano Rizzi, Gigi Del Neri, Elisa Togut, Giorgio Zanmarchi. Nell’occasione, è previsto un approfondimento sul 2200 anniversario della fondazione della Città romana di Aquileia, ora Patrimonio dell’UNESCO. L’iniziativa, che si avvale della collaborazione dell’Associazione culturale La Riviera Friulana, e del sostegno della Cassa rurale del FVG, è patrocinata dal Club per l’UNESCO di Udine, dall’UNAGA, Unione nazionale delle ARGA, dalla sezione del FVG di Italia Nostra. La denominazione Carati d’autore prende lo spunto dal carato, che rappresenta la misura del livello di valore di uno degli elementi più preziosi, che è il diamante. L’evento darà modo di conoscere e degustare produzioni del territorio.

ARGA Marche: “I giornalisti non vadano alla ricerca degli scoop ambientali a ogni costo”

La presidenza del convegno. Da sinistra: Luana Spernanzoni Presidente di Arga Marche, Chiara Paduano, Claudio Pettinari e Piero Chinellato, Presidente dell’Ucsi Marche.

Si è svolto il 6 giugno 2019 a Castelraimondo (Mc) l’incontro formativo “Informazione e comunicazione durante e dopo le grandi calamità” organizzato dall’Università di Camerino con il patrocinio di UNAGA, ARGA Marche, Arcidiocesi di Camerino, UCSI e Ordine dei Giornalisti delle Marche presso il relais di Borgo Lanciano.

A rappresentare la vicinanza di UNAGA, Luana Spernanzoni presidente ARGA Marche che ha portato anche il saluto del presidente Roberto Zalambani: “Il rischio di cedere alla tentazione degli ” scoop ” ad ogni costo coinvolge anche l’informazione che si occupa di ambiente e di territorio; tentazione che si accentua durante e dopo le grandi calamità.

Spesso infatti si privilegiano le emozioni suscitate dagli episodi più gravi ( meglio, verrebbe cinicamente da dire, se con vittime al seguito ) purtroppo ricorrenti nei disastri ambientali che, con preoccupante continuità, colpiscono il nostro Paese.”

Parole condivise in particolare dai giornalisti del servizio pubblico televisivo come Chiara Paduano (RaiNews24), Vincenzo Varagona e Francesca Alfonsi (Rai3 Tg Marche) che si sono trovati a raccontare l’emergenza a poche ore dalle scosse del terremoto del 2016 e ora, a tre anni di distanza, si confrontano con le difficoltà una ricostruzione che non parte.

L’Università di Camerino, che è stata di recente riconosciuta tra i 25 migliori atenei al mondo per l’orientamento internazionale, è impegnata come pochi enti locali a presidiare il territorio, tutelare il tessuto sociale, a valorizzare la cultura, facendo forza e investendo nella comunicazione. Il Rettore Claudio Pettinari ha evidenziato la stanchezza determinata da “tante promesse cadute nel dimenticatoio” ma anche l’energia degli studenti, dei docenti e del nutrito staff dell’ufficio stampa. Energia e passione che consentono  di raccontare il territorio colpito dal sisma nei social e nei media nazionali e internazionali.

Scegliere le parole e le immagini con rigore e competenza per raccontare e non dimenticare e far vivere le zone interne. E’ questo l’impegno condiviso dai tutti i relatori e dai giornalisti che operano nel territorio con tante difficoltà. 

In chiusura del seminario formativo le parole di Franco Arminio, poeta e paseologo: “è necessario licenziare la sfiducia, il mondo è caduto nella solitudine e nello sconforto, questi luoghi possono guarire, alzare lo spirito. Camerino e altri territori coinvolti possano diventare come “un posto del mondo dove si parla del mondo”.

Dall’11 al 14 giugno 2019 a Pergine Valsugana (Tn) il 7° Convegno nazionale sul castagno con Unaga

Risultati immagini per castanea 2019Quattro giorni dedicati interamente alla castanicoltura nazionale e locale sono in programma dall’11 al 14 giugno 2019, a Pergine Valsugana, comune trentino che ospiterà il settimo convegno nazionale sul castagno con oltre 100 partecipanti da tutta Italia, ma anche incontri con i produttori, eventi ricreativi, mostre, aperitivi scientifici e degustazioni rivolti alla cittadinanza. L’iniziativa, presentata oggi in conferenza stampa presso la Provincia autonoma di Trento, è promossa dalla Fondazione Edmund Mach in collaborazione con SOI, Società Ortoflorifrutticoltura Italiana. Presso la sala stampa sono intervenuti l’assessore provinciale all’agricoltura, caccia e pesca Giulia Zanotelli, il presidente FEM Andrea Segrè, il rappresentante di SOI Società Ortoflorifrutticoltura Italiana, Andrea Fabbri, l’assessore del Comune di Pergine, Franco Demozzi, il funzionario Ministero politiche agricole alimentari e forestali/ Direzione generale per la promozione della qualità, Alberto Manzo, il vicepresidente dell’Associazione nazionale Città del Castagno, Fulvio Viesi, il presidente dell’Associazione Castanicoltori Trentino Alto Adige, Stefano Pradi, l’amministratore delegato APT della Valsugana Stefano Ravelli, la presidente del Comitato organizzatore nonché ricercatrice FEM, Luisa Palmieri.
Apertura l’ 11 giugno alle 17,30 nel teatro Comunale con la presentazione  delle Associazioni di castanicoltori. A moderare l’ evento ci saranno il Presidente di Unaga – Fnsi Roberto Zalambani e il Dirigente del Ministero delle politiche agroalimentari e forestali Alberto Manzo, coordinatore del Tavolo nazionale di Filiera del castagno.
Zalambani nell’ occasione visiterà anche la prestigiosa Fondazione Mach, organizzatrice di “Castanea”, a San Michele all’Adige.Banner2

INTERREG ITALIA-SLOVENIA (EU) PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE COMUNITA’: UNAGA ORGANIZZAZIONE ASSOCIATA

Si svolgerà a Portorose (Slovenia) il 6 maggio 2019 il primo incontro dei promotori del progetto per preservare e tutelare l’ambiente e promuovere l’uso efficiente delle risorse, finanziato nell’ambito del Programma di Cooperazione Interreg V-A Italia–Slovenia 2014-2020, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali. All’incontro, tra gli altri, parteciperà Efrem Tassinato in qualità di responsabile della Segreteria nazionale di UNAGA nonché, di presidente di Rete Wigwam*, organizzazione che dispone di quarantennale esperienza nell’organizzazione di Comunità Locali di Offerta e Interscambio.

Il progetto MerlinCV contribuirà ad aumentare la riconoscibilità della regione turistica transfrontaliera. Con l’intento di valorizzare il potenziale ancora non sfruttato del patrimonio culturale, naturale e gastronomico nell’area transfrontaliera italo-slovena saranno sviluppati prodotti turistici innovativi, integrati, tematici e incentrati sul turismo sostenibile. Tenendo conto delle sfide ambientali, il progetto offrirà soluzioni rilevanti a livello europeo per lo sviluppo di un turismo sostenibile e tematico. A tal fine saranno organizzate numerose attività volte a creare nuovi prodotti turistici e alla formazione delle parti interessate con una particolare attenzione verso l’enogastronomia e i prodotti tipici. Le attività del progetto saranno concepite in base ad uno studio ovvero con l’aiuto delle buone prassi in ambienti simili. Così sarà creata un’applicazione web e mobile che fungerà da database dell’offerta turistica locale e come aiuto per la pianificazione degli itinerari turistici. Con lo scopo di aumentare la capacità degli operatori turistici locali saranno realizzati diversi progetti pilota: workshop, network, Comunità Locale di Offerta, itinerari personalizzati, festival e storie nel turismo.

Promotori del progetto: ZRS – Centro di Ricerche Scientifiche Capodistria (Slo); il Dipartimento di Studi Umanistici – Università Ca’ Foscari Venezia (It); la Camera del Turismo e dell’Ospitalità di Slovenija (Slo); il Comune di Salzano – Ve (It); ARIES Società consortile di servizi della Camera di Commercio della Venezia Giulia.; il Consorzio Comunità Collinare del Friuli di Udine (It); il Comune di Pivka (Slo); il Comune di Tolmin (Slo). Infine, quale associato, l’UNAGA – Unione Nazionale Giornalisti Agroalimentari e Ambientali, Gruppo di Specializzazione della FNSI (It).

(*) Rete associativa non profit per lo sviluppo equo, solidale e sostenibile delle Comunità Locali – Associazione Nazionale di Protezione Ambientale ai sensi dell’art. 13 della legge n. 394/1986 riconosciuta con Decreto del Ministero dell’Ambiente n. 347 del 15 dicembre 2017

UNAGA aderisce alla XXVI Giornata mondiale della libertà di stampa: il 2 e 3 maggio 2019, 48 ore di mobilitazione

La maratona parte giovedì 2 maggio 2019 da Trento (Palazzo Geremia, ore 11:00) con l’iniziativa organizzata dalla FNSI con le Assostampa di Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia e con Articolo21 e Osservatorio Balcani Caucaso. L’indomani doppio appuntamento a Roma: alle 10:30 sit-in in piazza Santi Apostoli a Roma e alle ore 16:00 un incontro sulla Carta di Assisi nella sede del sindacato sempre a Roma.

La locandina della XXVI Giornata mondiale della libertà di stampa

“Anche UNAGA si unisce convintamente, invitando perciò tutte le ARGA Associate all’adesione e alla partecipazione” ha dichiarato il Presidente nazionale Roberto Zalambani.

In occasione della 26esima Giornata mondiale della libertà di stampa, indetta dalle Nazioni Unite nel 1993, la Federazione nazionale della Stampa italiana, in collaborazione con le Associazioni di stampa e gli Ordini regionali dei giornalisti, l’Usigrai, l’associazione Articolo21, la Rete NoBavaglio e Amnesty International Italia, promuove 48 ore di mobilitazione per raccogliere e rilanciare le ‘Voci dal mondo contro i bavagli’.

La maratona parte da Trento, alle 11:00 del 2 maggio 2019, vigilia della Giornata mondiale della libertà di stampa, con la manifestazione promossa dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana assieme ai sindacati dei giornalisti di Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia e con Articolo21 e Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa.

Nel salone di Rappresentanza di Palazzo Geremia, insieme con il segretario regionale, Rocco Cerone e il presidente dell’Odg regionale Mauro Keller, rilanceranno la campagna ‘Contro tagli e bavagli’ il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti; il presidente di Articolo21 Paolo Borrometi; la segretaria di Sindacato Giornalisti Veneto, Monica Andolfatto; il presidente dell’Assostampa Friuli Venezia Giulia, Carlo Muscatello.

L’indomani, 3 maggio 2019, a Roma, alle 10:30, i giornalisti italiani saranno in piazza Santi Apostoli, nei pressi della sede della Rappresentanza italiana della Commissione Ue e dell’Ufficio d’informazione del Parlamento europeo, per dar vita ad un presidio insieme con i rappresentanti di Usigrai, Articolo21, Ordine dei giornalisti del Lazio, Rete NoBavaglio, Amnesty International Italia e con Jan Krempasky, cronista slovacco collega di Jan Kuciak; Manuel Delia, reporter maltese; Asmae Dachan, giornalista e scrittrice siriana; Fazila Mat, ricercatrice turca dell’Osservatorio Balcani Caucaso.

«Ricorderemo Daphne Caruana Galizia, Jan Kuciak, Victoria Marinova, Lyra McKee e chiederemo alle istituzioni europee di impegnarsi di più per la libertà di stampa e per dire no a minacce e aggressioni contro croniste e cronisti», annunciano il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, e il presidente Giulietti.

E il pomeriggio del 3 maggio 2019, dalle 16:00, la sede Federazione nazionale della Stampa italiana a Roma ospiterà un incontro sulla Carta di Assisi, manifesto per un linguaggio e una informazione improntati a rispetto, veridicità e responsabilità, a cui parteciperanno, fra gli altri: padre Mauro Gambetti e padre Enzo Fortunato, custode e portavoce del Sacro Convento di San Francesco di Assisi; padre Antonio Spadaro, direttore di Civiltà Cattolica; Salah Ramadan, imam della Moschea di Roma; Ruth Dureghello, presidente della Comunità Ebraica di Roma. L’incontro sarà coordinato da Roberto Natale, coordinatore del Comitato scientifico di Articolo 21.

Con loro, oltre ai rappresentanti di Fnsi e Articolo21 anche Paola Spadari, presidente Odg Lazio; Marino Bisso, della Rete NoBavaglio; Riccardo Cristiano, dell’associazione Giornalisti amici di Padre Dall’Oglio; Maurizio Di Schino, segretario nazionale dell’Ucsi (Unione cattolica stampa italiana).

@fnsisocial

UNAGA registra l’innovazione e il rispetto dell’ambiente del progetto a FICO di Bottega Balocco

Il Presidente di UNAGA-FNSI Roberto Zalambani, tra il Direttore del Progetto FICO di Bottega Balocco Eraldo Rossi e il coordinatore della Bottega Adriano Re. In primo piano la storica bilancia della drogheria di famiglia e la nuova linea di colombe pasquali e colombine con sorpresa.

Per gli auguri di Pasqua 2019 il Presidente di UNAGA Roberto Zalambani ha scelto di visitare Bottega Balocco, la nuova fabbrica di produzione, costola del grande stabilimento di Fossano (Cn), all’ interno della Fabbrica Italiana Contadina di Bologna, di colombine, pannettoncini, pandorini, biscotti di pasticceria e, nella linea bambini, di colombine e panettoncini con sorpresa.

“Balocco – spiega il Direttore del progetto dell’azienda dolciaria a FICO Eraldo Rossi – ritorna alle origini proponendo prodotti di alta pasticceria grazie agli investimenti in tecnologie d’avanguardia ma che si ispirano ai piccoli ricettari di famiglia scritti a mano e tramandati di padre in figlio. Nel piu’ grande parco agroalimentare d’Europa i visitatori possono assistere a tutti i passaggi, dal trattamento del lievito madre fino al confezionamento con materiali innovativi”. “Siamo i primi al mondo – continua Rossi – che effettuiamo le nostre produzioni con stampi in carta per colombe e panettoni e teglie di carta per i biscotti; non utilizziamo ferro; non facciamo rumore; non applichiamo materiali staccanti sulle teglie. L’impatto ambientale è minimo e tutti i materiali di cottura sono riciclabili”. Questo progetto è stato interamente realizzato con la collaborazione dell’azienda Novacart leader mondiale nel settore.

Balocco è una società fondata nella seconda metà dell’Ottocento da Toni Balocco che inventò, nella sua drogheria, i bonbon al liquore. Il figlio Francesco Antonio Balocco aprì due pasticcerie a Fossano e il figlio di lui Aldo Balocco trasformò il laboratorio del padre in un’ attività industriale resa famosa dal ‘Mandorlato’. Questa bella storia di famiglia, simbolo della rinascita dell’Italia, è stata raccontata nel libro “Volevo fare il pasticcere”, scritto da Alberto Balocco con Adriano Moraglio (Rizzoli). Alberto, Presidente e Amministratore Delegato, ancora molto giovane ha preso il timone, insieme alla sorella Alessandra Balocco, di questa azienda che conta 450 dipendenti e produce nello stabilimento di Fossano 30 milioni di pezzi di prodotti lievitati all’ anno.

UNAGA SEGUE INALCA NEI PERCORSI DI QUALITA’: APERTO INNOVATIVO STORE AZIENDALE MA PER TUTTI

Inalca continua a investire nella provincia di Modena e il 12 aprile 2019 ha inaugurato,  presente la stampa specializzata, l’ampliamento dello storico stabilimento di Castelvetro, con la nuova mensa aziendale e un locale aperto al pubblico per la vendita dei prodotti del Gruppo.
Tina Gran Dispensa” è il nome del nuovo store di vendita diretta, dal produttore al consumatore, dove sarà possibile acquistare le eccellenze dell’Inalca, ma anche delle altre aziende di Cremonini.
L’offerta comprende le carni bovine fresche italiane e internazionali, i salumi a marchio Ibis, i prodotti surgelati distribuiti da Marr (pesce e verdure), insieme  a un’ampia selezione di formaggi locali.
Il locale, con una decina di dipendenti neoassunti, si sviluppa su una superficie di vendita di 150 mq (più altri 150 mq di laboratorio) e dispone di un parcheggio per 50 posti auto.
L’offerta si rivolge in primis ai circa 2.000 dipendenti Inalca e Cremonini della zona di Modena, distribuiti tra gli stabilimenti di Castelvetro, Castelnuovo e la sede centrale di Ca’ di Sola, ma anche a un ampio pubblico della zona .

INALCA è la società del Gruppo Cremonini leader in Europa nella produzione di carni bovine e prodotti trasformati a base di carne, salumi e snack, con i marchi Inalca, Montana, Manzotin, Italia Alimentari, CorteBuona e Ibis. Nel 2017 ha registrato ricavi totali per oltre 1,96 miliardi di Euro.  La società, con più di 5.000 dipendenti, ha 12 stabilimenti in Italia specializzati per tipologia di prodotto (nove per la produzione di carni bovine e tre nell’area salumi, snack e gastronomia pronta) e 26 impianti e piattaforme distributive all’estero, con una presenza importante in Russia e in vari Paesi africani. Oltre il 40% del fatturato della produzione deriva dalle attività estere. Inalca è il maggiore produttore di hamburger in Europa, con una capacità produttiva di oltre 120.000 ton di hamburger l’anno.

13-14 aprile 2019 a Fano: L’oro d’Italia il Gran Galà dell’Olio 2019. ARGA Marche presente

ARGA Marche sarà presente a “L’Oro d’Italia – Gran Galà dell’olio 2019” in FANOèEXTRA.

Contatti:

  • Luana Spernanzoni Presidente Arga Marche   +39 338 5470794                                                                    
  • Franca Gambini – Delegata Arga Pesaro Urbino +39 339 4677150                 

 

5 aprile 2019 a Valdobbiadene (Tv): Presentazione “Stati Generali del Turismo dell’Alta Marca” con moderazione UNAGA

VALDOBBIADENE – 5 Aprile 2019, Auditorium “CELESTINO PIVA” ore 14:30

Dopo più di un anno di lavoro nel “Progetto di Sviluppo e Marketing Territoriale dell’Alta Marca”, nascono gli “Stati Generali del Turismo dell’Alta Marca” per promuovere un percorso partecipato e condiviso dell’intera comunità al fine di delineare le linee strategiche di sviluppo del territorio.

L’ “Overture” del 5 aprile rappresenterà una vera e propria Tavola Rotonda, dove tutti gli attori del territorio si confronteranno. Il Progetto infatti promosso da Unpli Treviso grazie ai fondi del GAL Alta Marca vede per la prima volta in assoluto le Pro Loco protagoniste dello Sviluppo Territoriale.

Saranno presenti tutti i principali Stakeholders territoriali, in particolar modo presenzierà l’Assessore al Turismo Regionale Federico Caner, che sottolinea l’importanza del progetto: “L’Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO) stima che il ciclo espansivo del turismo continuerà ancora nei prossimi anni: nel 2020 i viaggiatori internazionali potrebbero raggiungere quota 1,3 miliardi e dieci anni dopo arrivare all’incredibile cifra di 1,8 miliardi di viaggiatori in tutto il mondo (+80% sul 2013). I dati del Veneto, prima regione turistica d’Italia, confermano questo sviluppo e avvalorano la tendenza a una forte crescita soprattutto del turismo culturale, alimentata in primis dall’offerta delle città d’arte, ma anche da quella dei piccoli borghi e degli itinerari enogastronomici.

Il +6,5% di presenze turistiche ottenuto lo scorso anno dalla provincia di Treviso, quella cresciuta di più percentualmente nel Veneto, testimonia che i territori della Marca già esercitano una rimarchevole attrazione su una clientela sia italiana che estera e induce a pensare che il margine di miglioramento sia ancora da individuare.

Questo progetto di sviluppo e di marketing territoriale deve essere l’occasione per analizzare come il prodotto turistico  dell’Alta Marca possa essere affinato e impreziosito, ponendo tutte le attenzioni necessarie per non svilirlo, banalizzarlo o omologarlo ad altri. Annoto con piacere che si è partiti con il piede giusto, puntando, così come indicato dal Piano Strategico del Turismo Veneto, sulla compartecipazione: il processo di crescita intrapreso, infatti, deve coinvolgere sia gli operatori sia la popolazione locale, perché il turismo va inteso come ‘un bene comune’”.

Nella giornata interverranno inoltre i leader politici e tecnici delle varie Istituzioni, Associazioni di Categoria, Pro Loco, Associazioni culturali, saranno presenti i Sindaci e le imprese. Nello specifico presenzierà il Presidente della Camera di Commercio, il Presidente e il direttore della Fondazione Marca Treviso, il Presidente del Consorzio Prosecco DOCG Conegliano Valdobbiadene, il Presidente della Strada del Vino Conegliano Valdobbiadene.

A moderare la “Tavola Rotonda” ci sarà anche Efrem Tassinato, giornalista enogastronomico – responsabile della Segretaria Nazionale di UNAGA (Unione Nazionale Associazione Giornalisti Agroalimentari e Ambientali – Gruppo di specializzazione della FNSI) e Presidente di Rete Wigwam per lo sviluppo sostenibile delle comunità locali (Associazione nazionale di protezione ambientale riconosciuta con decreto del Ministero dell’Ambiente – prima e unica associazione ecologista nazionale con origini e tuttora sede centrale in Veneto – nel 1972, tra le prime in Italia e nel mondo).

Il Presidente di Unpli Treviso Giovanni Follador da sempre attivo nelle politiche di sviluppo e promozione del territorio ha voluto fortemente intraprendere questo cammino. “Il progetto rappresenta uno strumento innovativo di sviluppo e governance del territorio e gli “Stati Generali del Turismo dell’Alta Marca” sono nati proprio con l’intenzione di delineare delle direttrici di sviluppo in modo partecipato da tutti i soggetti che vivono e conoscono la realtà dell’Alta Marca” spiega Follador “La straordinarietà storica è data dal fatto che per la prima volta a livello nazionale le Pro Loco trevigiane e venete diventano leader dello sviluppo territoriale”.

A Valdobbiadene fulcro centrale dell’Alta Marca, immerso nel verde delle colline del Prosecco, si terrà il primo appuntamento che aprirà la strada ai successivi incontri dove si riuniranno dei Panel Tematici. Il Sindaco di Valdobbiadene Luciano Fregonese è lieto di ospitare l’apertura di quest’iniziativa, “E’ un piacere ospitare a Valdobbiadene il primo tavolo che da il via agli Stati Generali del Turismo dell’Alta Marca”  commenta il Sindaco Fregonese “Nei prossimi mesi sarà data la possibilità di mettere a confronto le diverse realtà associative ed istituzionali del territorio, assieme ai vari portatori di interesse, su temi del turismo, delle opportunità di crescita economica, sociale e culturale. La realtà della pedemontana trevigiana sarà chiamata ad affrontare sfide importanti nei prossimi anni, che potranno determinare una reale crescita, solo se ben governate in modo coordinato, con obiettivi comuni e con ruoli definiti e concordati tra i vari attori. Chi vorrà esserne parte attiva e protagonista di questa fase di sviluppo del territorio avrà quindi l’occasione di costruire assieme attraverso gli Stati Generali, questo percorso di crescita.”

Nella giornata del 5 aprile verrà spiegato in dettaglio il Progetto di Sviluppo e Marketing Territoriale e gli Stati Generali del Turismo.

Verrà presentata una cabina di regia territoriale chiamata “Patto per lo Sviluppo” con il compito di governare e coordinare le azioni di sviluppo e promozione del territorio che sarà composta da un Comitato d’Indirizzo ed un Comitato Tecnico.

Infine verrà presentato il portale web del Progetto che permetterà a tutti, anche coloro che non potranno essere presenti fisicamente agli incontri di lasciare un proprio contributo on line.

Tutta la collettività è chiamata a partecipare in modo attivo con proposte ed idee per avviare una nuova era di sviluppo territoriale.

In allegato il programma della giornata del 5 aprile e di seguito il programma dei successivi appuntame

15 aprile 2019 II^ sessione “PANEL TEMATICI”

Istituto Magistrale “S. Giovanna D’Arco” Vittorio Veneto (Tv) ore 14:30

“Tavoli di  Lavoro” suddivisi   per i principali tematismi di sviluppo del territorio dove tutti i partecipanti  dibatteranno al fine di raggiungere gli obiettivi individuati preliminarmente. Il tutto per “mettere assieme”  chi si occupa di:  StrategiaProgrammazioneProgettazione;  azioni a sostegno della costruzione del  “Prodotto Turistico Alta Marca”.

Ci sarà la possibilità di dare il proprio contributo in tempo reale grazie alla “Piattaforma on line” anche a chi non potrà essere presente fisicamente  durante le sessioni.

06 maggio 2019 II^ sessione “PANEL TEMATICI”

Istituto Comprensivo Statale “A. Fogazzaro” Follina (Tv) ore 14:30

Secondo appuntamento operativo dove dove ogni singolo “Tavolo di  Lavoro” si riunirà per continuare a  sviluppare  il proprio tematismo.

 

16 maggio 2019 II^ sessione “PANEL TEMATICI”                                                                                                                  

Istituto “Cavanis” e Fondazione “Antonio Canova” – Possagno (Tv) ore 14:30

Terzo incontro operativo dei “Tavoli di  Lavoro”.

 

06 giugno 2019 II^ sessione “PRESENTAZIONE RISULTATI E CONFERENZA STAMPA”

Istituto IPSSAR – Beltrame – Vittorio Veneto ore 14:30

Importante momento di condivisione dei risultati ottenuti nei “PANEL TEMATICI” attraverso una CONFERENZA STAMPA territoriale.

 

06 luglio 2019 III^ sessione “EVENTO FINALE”

Presentazione ufficiale di tutto il cammino che è stato percorso per realizzare il “Progetto di Sviluppo e Marketing territoriale”:

  • saranno illustrate le “LINEE STRATEGICHE DI SVILUPPO DELL’ALTA MARCA”
  • sarà presentato il “Brand Territoriale/Marchio d’area”
  • sarà condiviso il nuovo modello ideato per la realizzazione del prodotto turistico del territorio.

Per info, prenotazioni ed adesione

turismoaltamarca@atlantideitalia.com

+39 388 8510939